Presenza sul territorio > Molfetta

Il Centro socio sanitario residenziale di Molfetta nasce per offrire un importante punto di riferimento per l’assistenza e la riabilitazione delle persone con disabilità sensoriali. Nella struttura sono ospitati dal 2007 giovani e adulti che hanno problemi di vista e udito e che, in alcuni casi, presentano altre minorazioni psicosensoriali e motorie.

All’interno del Centro opera un’equipe multidisciplinare di specialisti e operatori qualificati che attuano per ciascun ospite un progetto educativo-riabilitativo personalizzato funzionale ad acquisire  maggiore autonomia personale e una migliore qualità di vita.

Ad oggi il Centro eroga servizi educativo-riabilitativi e servizi sanitari e assistenziali. La struttura, che si estende su un’area di circa 24.000 m², può ospitare 40 utenti a tempo pieno con la possibilità di 15 posti a degenza diurna. 

 

 

27 settembre 2008: guarda alcuni momenti della cerimonia di presentazione del centro:


Visualizzazione ingrandita della mappa

 

Centro di Molfetta Strada Provinciale, 112 Molfetta -Terlizzi Km. 2 70056 Molfetta (BA) tel: 080 - 39.71.653 fax: 080 - 39.74.671 email: segreteria.molfetta@legadelfilodoro.it

 

Visualizza Molfetta Centro Residenziale in una mappa di dimensioni maggiori

 

Come raggiungerci:
 

In treno:
Stazione di Bari C.le : la stazione delle Ferrovie dello Stato di Bari Centrale è collegata con le principali città italiane. Da qui è possibile trovare i collegamenti con la città di Molfetta.
 
Stazione di Molfetta: la stazione di Molfetta è meta di diversi collegamenti regionali e fermata dei treni Intercity e Eurostar City. Dalla stazione, attraverso l’uso di mezzi pubblici, è possibile raggiungere il centro città.
 
In auto
Autostrada A14: Prendere l’uscita Molfetta, proseguire in direzione Terlizzi per circa 400 metri.
 
Con i mezzi pubblici
Pulmann di linea STP, con partenza dalla stazione e dall’Ospedale Civile di Molfetta; la fermata si trova di fronte all’ingresso del Centro.

In taxi
E’ possibile raggiungere la sede della Lega del filo d’Oro di Molfetta utilizzando un servizio taxi da: Bari: Stazione FS o Aeroporto; Molfetta: Stazione FS.

In aereo
L’Aeroporto di Bari Palese: www.aeroportidipuglia.it

 

Cronologia sintetica del progetto:

2000 – la Lega del Filo d’Oro apre una sede territoriale a Ruvo di Puglia, nell’entroterra barese, a pochi chilometri da Molfetta.

2002 – viene presentato alla Regione Puglia il progetto per la realizzazione di un Centro Socio-Sanitario Residenziale sul territorio pugliese.

2003 – emerge il concreto interesse da parte delle istituzioni territoriali ad avviare al più presto una verifica di fattibilità del progetto; la Regione mette a disposizione della Lega del Filo d’Oro un immobile da alcuni anni inutilizzato (l’ex Preventorio di Molfetta) e si cominciano a programmare gli opportuni interventi di ristrutturazione.

2004 – la Giunta Regionale della Puglia autorizza la realizzazione da parte della Lega del Filo d’Oro di un Centro socio sanitario residenziale per persone sordocieche e pluriminorate psicosensoriali.

2005 – dall’ 1 luglio viene presa in consegna la struttura e il 19 settembre l’ex Preventorio viene affidato alla ditta appaltatrice, dando ufficialmente avvio ai lavori di ristrutturazione.

2007 – all’inizio di giugno l’impresa incaricata dei lavori consegna la struttura. Dalla fine di agosto, in attesa delle previste autorizzazioni al funzionamento da parte degli enti interessati, ha inizio il graduale ingresso dei primi utenti, per una conoscenza della struttura e lo svolgimento delle attività preliminari al servizio da erogare. Contemporaneamente la sede territoriale di Ruvo di Puglia viene trasferita a Molfetta, nei locali predisposti all’interno del Centro.

Il Servizio territoriale, presente inizialmente in una sede a Ruvo di Puglia, dal 2007 è operativo presso il Centro Residenziale di Molfetta. Il servizio organizza attività socio-ricreative e offre momenti di incontro con le famiglie.

Lo staff e i servizi del Centro di Molfetta sono coordinati dal Dott. Sergio Giannulo, direttore del Centro, e dal Dott. Pino Modugno, direttore educativo-riabilitativo.