La tecnologia al servizio della disabilità

25 settembre 2017

Autore: Lega del Filo d’Oro

Condividi la Testimonianza

Il Professor Giulio Lancioni, direttore del Centro di Ricerca e membro del Comitato Tecnico Scientifico della Lega del Filo d'Oro ci racconta come la tecnologia diventa un alleato fondamentale per le persone sordocieche e pluriminorate psicosensoriali.

"Esistono tecnologie in grado di migliorare significativamente la vita delle persone che si rivolgono alla Lega del Filo d'Oro. Si chiamano "tecnologie assistive": alcune sono nate specificatamente per i disabili, altre invece sono adattate alle esigenze particolari delle persone con disabilità sensoriali così da consentire loro di gestire l'ambiente, di uscire dall'isolamento, ma anche di apprendere.

Il Centro di Ricerca della Lega del Filo d'Oro partendo dalle abilità di cui il paziente disopne ancora individua che cosa sarebbe utile sviluppare per consentirgli di migliorare la sua situazione. Per esempio, un adolescente con scarsissime abilità intellettive e problemi di memoria ha difficoltà a ricordare la sequenza per apparecchiare la tavola. Ma se un programma fa scorrere sullo schermo del pc la serie delle immagini visive relative al compito, non sbaglierà più.

Per chi ha difficoltà a comunicare, come gli ospiti dell'Associazione, anche i VOCA (Voice Output Communication Aids), ovvero tecnologie capaci di parlare o scrivere al posto della persona che non riesce a farlo, sono una porta aperta sul mondo che può aprirsi tramite dispositivi come smartphone e tablet.

Alcuni possono diventare anche mezzi per controllare in modo remoto e indipendente le luci, la climatizzazione, la tv, e così permettono di gestire l'ambiente secondo i propri desideri".

Proprio per l'importanza che la tecnologia, sempre di più, acquista nella vita delle persone sordocieche e pluriminorate la Lega del Filo d'Oro Onlus ha organizzato dal 4 al 6 ottobre la prima conferenza internazionale su tecnologia assistiva e disabilità (www.atadconference.org) che riunirà a Roma gli esperti del settore.

Fai in modo che la storia non si fermi

Commenta la Testimonianza