Il metodo

metodoriabilitativo_legadelfildoro

 

Il principale orientamento seguito dalla Lega del Filo d'Oro è l'approccio cognitivo-comportamentale che affonda le sue radici nella psicologia sperimentale, sopratutto a quella interessata allo studio dei processi di apprendimento e delle loro interconnessioni con le dinamiche affettive e motivazionali.

Tale impostazione lega due aspetti del processo riabilitativo che non possono essere isolati l'un dall'altro che sono:

  • Ambiente in cui la persona cresce e vive
  • la Persona stessa in grado di esprimere comportamenti più o meno complessi e articolati.

Ciò che significa che il processo riabilitativo più efficace è quello che innnanzitutto lavora sul cambiamento della relazione della persona con il suo contesto di vita. La presa in carico quindi è a 360 gradi, non solo sanitaria, con un'impostazione delle attività sulle 24 ore del giorno.

Per cui tale approccio non deve portare l'operatore a sottovalutare il ruolo giocato da variabili potenti come l'empatia, la qualità dei rapporti umani, ecc... che pesano molto nel creare una relazione qualitativamente soddisfacente.

La Lega del Filo d'Oro utilizza la metodologia anche per creare relazioni, comunicazione e integrazione attraverso il coinvolgimento della persona con disabilità e per valorizzare le risorse personali, ma anche familiari e sociali, attraverso l'attivazione di servizi e supporti esterni.