Una legge per la Lega del Filo d’Oro

16 Settembre '13
Data svolgimento: 
16 Settembre '13

La regione Marche riconosce la nostra specificità

Consiglio regionale, approvata la proposta di legge che riconosce l’attività della Lega del Filo d’Oro

Ha solo tre articoli, ma dalle conseguenze molto importanti. È la legge approvata all’unanimità dall’Assemblea legislativa della Regione Marche lo scorso 10 settembre, che prevede il riconoscimento della «particolare specificità dell’attività multidisciplinare svolta dalla Lega del Filo d’Oro».

La legge riconosce l’Associazione quale «punto insostituibile per l’assistenza, l’educazione, la riabilitazione, il recupero e il reinserimento delle persone sordocieche e dei pluriminorati psicosensoriali»: si tratta di un atto formale che apre all’Ente la possibilità di accedere a contributi dello Stato e dell’Unione Europea in favore delle attività che svolge. La Regione Marche si impegna anche a incentivare lo sviluppo del volontariato per il reinserimento dei pluriminorati psicosensoriali, a promuovere percorsi nelle scuole per far conoscere la sordocecità e ad assegnare alla Lega del Filo d’Oro un contributo annuale per i servizi forniti agli utenti, di entità da stabilire di anno in anno, già a cominciare dal 2014.

L’approvazione di questa legge regionale è un riconoscimento significativo che ci consente di guardare agli obiettivi futuri con maggiore fiducia e che ci da sempre più forza e speranza anche nella battaglia per il “riconoscimento dei diritti alle persone sordocieche”.