Torna indietro
Matteo, piccolo utente del Centro Diagnostico, ride in braccio alla sua educatrice che batte le mani e gioca con lui. L'educatrice indossa camice monouso e mascherina chirurgica
Chi aiutiamo
Sosteniamo le persone sordocieche e con disabilità sensoriale e le loro famiglie.
Legadelfilodoro Nuovo Centro Nazionale Interni
Dove aiutiamo
Il nostro Centro Nazionale è a Osimo, ma ci sono altre nove sedi in Italia.
Alberto, un utente della Lega del Filo d'Oro, e un'operatrice ridono di gusto insieme.
Come aiutiamo
Assistiamo, educhiamo, riabilitiamo chi non vede e non sente valorizzandone al massimo le potenzialità.
Andrea e Eleonora, due centralinisti della Lega del Filo d'Oro, sono fotografati mentre lavorano. Eleonora ha la cornetta del telefono appoggiata all'orecchio ed è seduta alla scrivania. Andrea sta lavorando al computer. Entrambi guardano verso la fotocamera.
Parla con noi
Possiamo esserti d’aiuto? Compila il form e invialo!
Edoardo+con+educatrice+specchiata
Donazioni Regolari
Scegli di adottare un Mondo di Sì per chi non vede e non sente. Con una donazione regolare puoi aiutare Edoardo e tanti bambini come lui.
Primo piano di Leonardo, bambino con sindrome di Charge, protagonista dello spot per la campagna della donazioni regolari
Come sostenerci
I modi per sostenerci sono tanti: ogni tua azione è preziosa e ci permette di fare la differenza.
Una vista aerea del Centro Nazionale della Lega del Filo d'Oro di Osimo, una nuova grande casa per le persone sordocieche
Progetti in cantiere
Abbiamo tanto da fare per dare un aiuto concreto a chi non vede e non sente.
Paola Rupili, utente adulta del Centro di Osimo, sorride insieme alla fisioterapista che la affianca in una sessione di idroterapia in piscina
Le nostre storie
Nessuno resta indietro, tutti hanno una storia di rinascita da raccontare.
Francesco lavora il midollino nel laboratorio di riabilitazione per costruire dei cestini
Essere sordociechi
Con gli strumenti giusti puoi diventare protagonista della tua vita.
LF0-Trasferimento+CN+(58)

Cosa stiamo facendo

Il Trasferimento nella nuova Casa

Una storia di amore, dedizione, tenacia e solidarietà chiude un capitolo storico e ne apre uno nuovo, ancora più bello.

Una casa per la vita

Il trasferimento di 37 ospiti nei nuovi appartamenti, costruiti su misura per le loro esigenze, è il cuore pulsante di un nuovo inizio, una testimonianza dell'impegno di tutti coloro che hanno reso possibile il raggiungimento di questo obiettivo. Un sogno che diventa realtà.

Dove tutto ebbe inizio

Un grande progetto ha sempre una grande storia dietro. Il centro di Santo Stefano: il punto di partenza.

Aperto nel lontano 1971, il centro di Santo Stefano ha rappresentato per decenni un faro di speranza e supporto per coloro che vivono con disabilità sensoriali.

La villa estiva del seminario vescovile di Osimo è diventata poi il punto di riferimento per tantissime famiglie e negli anni è stato adattato alle sempre più complesse esigenze delle persone con sordocecità e pluriminorazione psicosensoriale.

4 e 5 dicembre 2023: un grande cambiamento per la Fondazione

Ci sono giorni che non si possono dimenticare: quelli del trasferimento rientrano sicuramente tra questi.

4 e 5 dicembre: giorni "rossi" nel calendario della Lega del Filo d'Oro, portatori di nuove opportunità, che aprono le porte a un futuro pieno di luce. Con gioia e commozione (e anche un po' di malinconia), è avvenuto il trasferimento di 37 utenti dal vecchio al nuovo centro. 

Un passo storico che rimarrà scolpito nella memoria di tutti coloro che hanno contribuito a questa impresa e di tutte le persone che hanno intrapreso un viaggio breve ma intenso, che hanno fatto e disfatto valige nello stesso giorno ma che in qualche ora hanno cambiato vita per sempre, in meglio.

Un piede nel passato, uno slancio verso il futuro

Grati per tutto quello che il centro Santo Stefano ci ha lasciato. Entusiasti per l'inizio di una nuova avventura che profuma di felicità, maggiore autonomia, ancor più condivisione.

Il vecchio centro, con i suoi corridoi che narrano storie di speranza, ha offerto supporto e inclusione per oltre mezzo secolo. Oggi, il nuovo Centro Nazionale, una struttura all'avanguardia che abbraccia tecnologia e innovazione, guarda al futuro. I professionisti dell'Ente hanno affrontato con entusiasmo ed emozione i primi giorni nella nuova realtà, con il coraggio e la consapevolezza di chi sa che la nostalgia delle vecchie mura sarà presto colmata da tutto quello che il nuovo Centro Nazionale ha da offrire in termini di servizi ancora più efficaci e su misura per le esigenze mutevoli dei nostri ospiti. Ma soprattutto per il fatto che, finalmente, siamo tutti insieme nella nuova casa di chi non vede e non sente.

Angelo appena sceso dal pulmino e arrivato al Centro Nazionale
LF0-Trasferimento+CN+(58)
Operatrice+inizia+a+disfare+scatoloni+per+prendere+ausili+personalizzati
Paola si accerta che sia arrivata la sua tastiera personalizzata, compagno di viaggio indispensabile. Si assicura che non sia andata persa durante il trasloco. é con Nicoletta (Psicologa e Direttore Settore Trattamenti Estensivi e Servizi Territoriali) e Paolo (tecnico degli ausili)
Utente ed educatrice toccano i materassi colorati nella stanza
LF0-Trasferimento+CN+(271)
Bartoli dice a Santo, tramite malossi, ben arrivato
Due+ospiti+adulti+nella+nuova+casa+all%27interno+del+Centro+Nazionale

Non un cambio di residenza. Un cambio di vita.

Questo trasferimento non è solo un cambio di residenza, ma un simbolo tangibile del continuo impegno della Lega del Filo d'Oro nel costruire un futuro in cui ogni persona, nonostante le sfide che la vita gli riserva, può sperimentare la pienezza della vita. Il nuovo Centro Nazionale non è solo una serie di edifici, ma una comunità vibrante, un luogo in cui il filo d'oro dell'umanità intreccia storie uniche.

I nostri ospiti vivono in gruppi da 4, collocati all'interno di appartamenti con 4 camere singole con bagno privato e una zona comune con cucina, sala da pranzo e soggiorno per i momenti di socialità e condivisione. Una delle 4 camere è pensata e realizzata appositamente per persone con gravi disabilità motorie che si spostano in carrozzina dotata di bagno più ampio e sollevatori con binari agganciati al soffitto. 

Non hai trovato quello che cercavi?