Torna indietro
Matteo, piccolo utente del Centro Diagnostico, ride in braccio alla sua educatrice che batte le mani e gioca con lui. L'educatrice indossa camice monouso e mascherina chirurgica
Chi aiutiamo
Sosteniamo le persone sordocieche e con disabilità sensoriale e le loro famiglie.
Legadelfilodoro Nuovo Centro Nazionale Interni
Dove aiutiamo
Il nostro Centro Nazionale è a Osimo, ma ci sono altre nove sedi in Italia.
Alberto, un utente della Lega del Filo d'Oro, e un'operatrice ridono di gusto insieme.
Come aiutiamo
Assistiamo, educhiamo, riabilitiamo chi non vede e non sente valorizzandone al massimo le potenzialità.
Andrea e Eleonora, due centralinisti della Lega del Filo d'Oro, sono fotografati mentre lavorano. Eleonora ha la cornetta del telefono appoggiata all'orecchio ed è seduta alla scrivania. Andrea sta lavorando al computer. Entrambi guardano verso la fotocamera.
Parla con noi
Possiamo esserti d’aiuto? Compila il form e invialo!
Edoardo+con+educatrice+specchiata
Donazioni Regolari
Scegli di adottare un Mondo di Sì per chi non vede e non sente. Con una donazione regolare puoi aiutare Edoardo e tanti bambini come lui.
Primo piano di Leonardo, bambino con sindrome di Charge, protagonista dello spot per la campagna della donazioni regolari
Come sostenerci
I modi per sostenerci sono tanti: ogni tua azione è preziosa e ci permette di fare la differenza.
Una vista aerea del Centro Nazionale della Lega del Filo d'Oro di Osimo, una nuova grande casa per le persone sordocieche
Progetti in cantiere
Abbiamo tanto da fare per dare un aiuto concreto a chi non vede e non sente.
Paola Rupili, utente adulta del Centro di Osimo, sorride insieme alla fisioterapista che la affianca in una sessione di idroterapia in piscina
Le nostre storie
Nessuno resta indietro, tutti hanno una storia di rinascita da raccontare.
Francesco lavora il midollino nel laboratorio di riabilitazione per costruire dei cestini
Essere sordociechi
Con gli strumenti giusti puoi diventare protagonista della tua vita.
31
gennaio
2024

Il 2023 della Lega del Filo d’Oro

Pianificare nuovi obiettivi di sviluppo mettendo sempre al centro i bisogni delle persone con sordocecità e pluriminorazione psicosensoriale e le loro famiglie: questo il filo conduttore del 2023 per potenziare i servizi e garantire continuità ai programmi educativo-riabilitativi.

La Lega del Filo d’Oro ha iniziato il 2023 con il lancio sul web e sui social della campagna “Un mondo di sì” per ricordare a tutti, attraverso la storia di Edoardo, che sostenere l’impegno della Fondazione al fianco di chi non vede e non sente significa porre fine ai tanti “no” ricevuti dalle famiglie di fronte a diagnosi che spaventano, per aprirsi finalmente al mondo.

Le persone che attendono una risposta d’altronde sono molte, come dimostra la nuova ricerca sulla sordocecità in Italia e in Europa realizzata dall’Istat, presentata alla Camera dei Deputati a gennaio: un lavoro che ha fatto emergere i contorni reali di una condizione spesso ancora sottovalutata, che non solo chiede di essere conosciuta ma sollecita azioni concrete, non più procrastinabili.

Il 30 marzo è stata una giornata storica per la Fondazione, nuova importante tappa in un percorso iniziato 59 anni fa. Il completamento del Centro Nazionale è un sogno diventato realtà: un traguardo raggiunto grazie al personale, ai volontari, alle famiglie, a tutti i sostenitori e alle Istituzioni. La presenza del Presidente della Repubblica e le parole di ringraziamento che ha rivolto alla Lega del Filo d’Oro ci onorano, ma soprattutto ci impegnano per il futuro a continuare nel percorso di crescita. Ce lo chiedono le persone sordocieche e le loro famiglie: una maggior presenza sui territori e una più ampia capacità di risposta, sempre mantenendo molto alto lo standard del servizio.

Ad aprile, si è tenuta la tanto attesa IX Conferenza Nazionale delle Persone Sordocieche, un appuntamento molto importante di confronto tra i diversi vissuti e di scambio di riflessioni. Per la Lega del Filo d’Oro è anche un modo per raccogliere direttamente i bisogni e le istanze delle persone con sordocecità, premessa indispensabile per fornire risposte mirate, in un’ottica di miglioramento continuo. I partecipanti alla Conferenza ci hanno consegnato la richiesta di avere maggior accesso ai servizi, all’istruzione, alla possibilità di viaggiare e di vivere autonomamente: la Fondazione si è assunta il compito di favorire questo percorso, pensando non solo al presente, ma anche al futuro. Per aiutare più persone e per supportare la realizzazione dei loro progetti di vita ci impegneremo per essere presenti in più regioni con le nostre Sedi e Servizi Territoriali, in rete con associazioni, organizzazioni, Enti Pubblici e privati, università. A tal proposito, siamo pronti per aprire una nuova Sede in Abruzzo, nella casa che fu di Sabina Santilli, e stiamo lavorando ad un nuovo Centro Residenziale nel Lazio.

Per realizzare questi obiettivi c’è bisogno del sostegno di tutti. Un modo concreto per essere accanto a chi non vede e non sente è quello di destinare alla Lega del Filo d’Oro il vostro 5 per mille nella prossima dichiarazione dei redditi: una scelta che non costa nulla al cittadino (non firmando, l’Irpef resta integralmente nelle diponibilità dello Stato) ma che aggiunge un aiuto fondamentale ai contributi che vorrete continuare a darci. Anche quest’anno, quando l’Agenzia delle Entrate ha pubblicato i risultati del 5 per mille 2022, abbiamo ricevuto una piacevole sorpresa: sono stati 257.504 i cittadini che hanno scelto la Lega del Filo d’Oro, un numero che cresce di anno in anno, segno dell’affidabilità che gli italiani ci riconoscono: grazie per la fiducia che riponete in noi!

Una novità è stato l’arrivo alla Lega del Filo d’Oro, nel mese di maggio, del dottor Roberto Costantini, in qualità di nuovo Direttore Generale: porta molti anni di esperienza nella gestione di organizzazioni attive nel settore della disabilità e l’entusiasmo di dare un fattivo contributo allo sviluppo dell’Ente.

Nel corso dell’anno è sempre stato vivo l’impegno per la rappresentanza dei diritti delle persone sordocieche e pluriminorate psicosensoriali e delle loro famiglie, sia con incontri istituzionali affinché in Italia l’iter per la revisione e la piena applicazione della legge 107/2010 sul riconoscimento della sordocecità non si fermi, sia con attività di comunicazione e sensibilizzazione. Così il 27 giugno in occasione della Giornata Internazionale della Sordocecità la Fondazione ha aderito alla terza edizione dell’iniziativa globale Yarn Bombing, il coloratissimo “bombardamento di manufatti di filato” riproposto dalla rete Deafblind International - di cui la Lega del Filo d’Oro fa parte.

Nei mesi estivi, da giugno a settembre, abbiamo organizzato i consueti soggiorni estivi e quest’anno, consapevoli del desiderio diffuso di occasioni di incontro e socializzazione, sono state sette le settimane, invece delle sei del pre-pandemia. Più di cento persone hanno potuto vivere nuove esperienze, conosceranno amici, sperimentandosi in contesti diversi: tutto questo grazie alla disponibilità generosa dei nostri volontari, che ringraziamo.

La conferma dell’iscrizione al Runts, dopo le verifiche degli uffici competenti, porta la data del 7 settembre 2023: da quel momento siamo diventati Fondazione Lega del Filo d’Oro E.T.S. - Ente Filantropico. La nostra attività resta la stessa e nulla cambia per i nostri sostenitori: è però il punto di arrivo di un percorso di adesione alla riforma del Terzo Settore e alle sue richieste di accountability, affidabilità e trasparenza.

Sempre nel mese di settembre abbiamo presentato nella sede della Fondazione Unimi di Milano il Bilancio Sociale 2022 della Fondazione: la positività dei dati emersi, hanno confermato la traiettoria di crescita della Fondazione.

Il 22 ottobre, in occasione della Giornata Europea della Sordocecità, istituita per l’anniversario della fondazione della European Deafblind Union (EDBU), Federazione di Associazioni Nazionali di e per le Persone Sordocieche, la Lega del Filo d’Oro ha riacceso l’attenzione su questa disabilità specifica e complessa e ha posto l’accento sul riconoscimento dei diritti e sull’importanza di fare rete, a livello europeo, per garantire maggiore inclusività.

A novembre è ripresa dal Teatro delle Muse di Ancona la tournée 2023-2024 di Anna dei Miracoli, lo spettacolo teatrale che porta sul palcoscenico la celebre storia di Helen Keller e della sua insegnante Anne Sullivan. Una vicenda che richiama quella di Sabina Santilli, divenuta sordocieca a 7 anni e che sintetizza in modo emblematico il vissuto di tutte quelle famiglie che arrivano da noi prive di speranza, dopo essersi sentite dire che non c’era nulla da fare con i loro figli.

Dal 24 al 26 novembre quasi 200 volontari da tutta Italia si sono riuniti a Jesi (AN) per l’11° Forum Nazionale dei Volontari della Lega del Filo d’Oro, dal titolo “Tempo: dono prezioso”. Questo è un importante appuntamento con cadenza triennale dedicato a tutti coloro che, con la loro preziosa disponibilità, supportano le persone sordocieche nel vivere momenti di socialità, fare nuove esperienze e relazionarsi con il mondo che li circonda.

Il 3 dicembre, con la Giornata Internazionale Disabilità abbiamo lanciato campagna di raccolta fondi #ilsensodelnatale, il cui obiettivo principale è permettere alla Fondazione di garantire standard elevati di servizio e soprattutto di raggiungere, attraverso l’apertura di nuovi Centri e Sedi Territoriali, sempre più persone, là dove esse vivono.

Il 4 e il 5 dicembre, con il trasferimento degli ospiti nei nuovi appartamenti residenziali del Centro Nazionale, tutte le attività della Lega del Filo d’Oro di Osimo si sono riunite nella nuova sede: è un risultato atteso da anni, per cui abbiamo lavorato intensamente e in tanti, dal Consiglio di Amministrazione al personale, dai progettisti alle imprese. È un sogno che si è realizzato grazie al contributo indispensabile dei nostri sostenitori, a cui va il nostro più sentito ringraziamento.

Alla continuità e allo sviluppo delle attività della Lega del Filo d’Oro, nel corso del 2023, ha contributo in modo determinante la rete di sostenitori privati – individui, aziende o fondazioni - che ha permesso all’Ente di coprire la maggior parte dei costi sostenuti, confermando la netta e crescente prevalenza del sostegno privato rispetto a quello pubblico.

Per raggiungere i nostri obiettivi è importante aumentare la conoscenza della Fondazione e della sua mission sul grande pubblico e per questo sappiamo di poter contare sulla disponibilità dei nostri testimonial Renzo Arbore e Neri Marcorè e di tanti altri ambassador che ringraziamo di cuore per il supporto nelle varie campagne di comunicazione e raccolta fondi.

Il 20 dicembre la Lega del Filo d’Oro ha spento le sue 59 candeline per entrare, nel 2024, nell’ anno del suo 60° anniversario. È solo grazie all’aiuto di tanti se riusciamo a portare a termine i nostri progetti e a sognarne di nuovi: grazie di cuore a tutti. Speriamo di avervi accanto anche nelle sfide future!