Torna indietro
Francesco, un bambino ospite della Lega del Filo d'Oro, gioca con un giocattolo. Un'operatrice lo abbraccia e ride insieme a lui.
Chi aiutiamo
Sosteniamo le persone sordocieche e con disabilità sensoriale e le loro famiglie.
Legadelfilodoro Nuovo Centro Nazionale Interni
Dove aiutiamo
Il nostro Centro Nazionale è a Osimo, ma ci sono altre nove sedi in Italia.
Alberto, un utente della Lega del Filo d'Oro, e un'operatrice ridono di gusto insieme.
Come aiutiamo
Assistiamo, educhiamo, riabilitiamo chi non vede e non sente valorizzandone al massimo le potenzialità.
Andrea e Eleonora, due centralinisti della Lega del Filo d'Oro, sono fotografati mentre lavorano. Eleonora ha la cornetta del telefono appoggiata all'orecchio ed è seduta alla scrivania. Andrea sta lavorando al computer. Entrambi guardano verso la fotocamera.
Parla con noi
Possiamo esserti d’aiuto? Compila il form e invialo!
Legadelfilodoro Bimbi CD
A chi va il tuo sostegno
Con il tuo aiuto migliorerai la vita di tante persone sordocieche e delle loro famiglie.
Edoardo, un bambino ospite della Lega del Filo d'Oro, sorride mentre gioca con una palla fucsia e viene preso in braccio da un'operatrice. Lo sfondo dell'immagine è arancione.
Come sostenerci
I modi per sostenerci sono tanti: ogni tua azione è preziosa e ci permette di fare la differenza.
Una vista aerea del Centro Nazionale della Lega del Filo d'Oro di Osimo, una nuova grande casa per le persone sordocieche
Progetti in cantiere
Abbiamo tanto da fare per dare un aiuto concreto a chi non vede e non sente.
Paola Idroterapia Operatrice Legadelfilodoro
Le nostre storie
Nessuno resta indietro, tutti hanno una storia di rinascita da raccontare.
Francesco lavora il midollino nel laboratorio di riabilitazione per costruire dei cestini
Essere sordociechi
Con gli strumenti giusti puoi diventare protagonista della tua vita.
29
maggio
2020

29 maggio 1917: nasceva Sabina Santilli, fondatrice della Lega del Filo d’Oro

Sabina Santilli, fondatrice della lega del Filo d'Oro scrive alla macchina dattilografica. Foto d'epoca in bianco e nero

Sono passati 103 anni da quando, a San Benedetto dei Marsi in Abruzzo, nacque Sabina Santilli*.

A soli 7 anni una meningite la rese sorda e cieca, ma i suoi genitori non si diedero per vinti e la iscrissero all’istituto per ciechi Augusto Romagnoli di Roma. Lì, Sabina imparò subito il Braille e il Malossi, riacquistando la possibilità di comunicare, leggere e scrivere.

Col tempo, questa donna straordinaria avrebbe imparato a comunicare in 5 lingue diverse e ad essere indipendente in ogni attività quotidiana, determinata a “non essere di peso, ma di aiuto”. Ma non fu straordinaria solo per questo.

Il suo impegno si rivolse infatti ben presto a coloro che si trovavano nella sua stessa situazione ma costretti ancora nell’isolamento più totale. Per incoraggiarli e per metterli in relazione tra loro nacque quello che sarebbe diventato un giorno “Trilli nell’Azzurro”, il notiziario della Lega del Filo d’Oro. Allora erano lettere scritte da Sabina stessa, che come “un uccellino azzurro” raggiungevano ogni parte d’Italia portando notizie e informazioni utili per chi non vede e non sente, creando col tempo una rete di persone sordocieche.

Una rete che sarebbe diventata nel 1964 la “Lega del Filo d’Oro”, Associazione basata sul “filo aureo della buona amicizia” che unisce i sordociechi tra loro e con il mondo. Sabina, fondatrice dell’Associazione, ne fu anche la prima Presidente. 

Con il supporto di Don Dino Marabini, sacerdote osimano, e di un gruppo di volontari, Sabina gettò così le basi di un progetto che si proponeva “la rieducazione dei soggetti recuperabili, nonché di svolgere attività di assistenza sociale, economica, medico-specializzata e di provvedere alla qualificazione e inserimento nel lavoro.” Voleva offrire alle persone sordocieche la possibilità di vivere una vita piena e di realizzarsi come persone, “utili” per sé e per la società. Questo senza fermarsi anche davanti ai casi più gravi, in cui si sommavano diverse disabilità, secondo quello che è sempre stato uno dei pilastri della Lega del Filo d’Oro: nessuna condizione è così grave da non poter migliorare con un’educazione adeguata.

Per il suo impegno, ricevette diversi riconoscimenti ed onorificenze, come la "Pro Ecclesia et Pontifice" ricevuta dal Papa Giovanni Paolo II nel 1987.

Sabina ci lasciava nel 1999. Oggi l’Associazione da lei fondata conta Centri e Sedi Territoriali in 10 regioni d’Italia e ancora, a 103 anni dalla sua nascita, l’impronta di Sabina Santilli è viva ogni giorno nelle attività e nello spirito della Lega del Filo d’Oro, come è vivo il ricordo del suo motto più significativo: “avanti e buon coraggio, senza mai tirarsi indietro”.

*La vita di Sabina Santilli è raccontata nel libro di Sara De Carli “Le mie dita ti hanno detto”, edito da Vita. È possibile richiederne una copia scrivendo a [email protected] o chiamando lo 0717231763.