Torna indietro
Francesco, un bambino ospite della Lega del Filo d'Oro, gioca con un giocattolo. Un'operatrice lo abbraccia e ride insieme a lui.
Chi aiutiamo
Sosteniamo le persone sordocieche e con disabilità sensoriale e le loro famiglie.
Legadelfilodoro Nuovo Centro Nazionale Interni
Dove aiutiamo
Il nostro Centro Nazionale è a Osimo, ma ci sono altre nove sedi in Italia.
Alberto, un utente della Lega del Filo d'Oro, e un'operatrice ridono di gusto insieme.
Come aiutiamo
Assistiamo, educhiamo, riabilitiamo chi non vede e non sente valorizzandone al massimo le potenzialità.
Andrea e Eleonora, due centralinisti della Lega del Filo d'Oro, sono fotografati mentre lavorano. Eleonora ha la cornetta del telefono appoggiata all'orecchio ed è seduta alla scrivania. Andrea sta lavorando al computer. Entrambi guardano verso la fotocamera.
Parla con noi
Possiamo esserti d’aiuto? Compila il form e invialo!
Primo piano di Leonardo, bambino con sindrome di Charge, protagonista dello spot per la campagna della donazioni regolari
Donazioni Regolari
Scegli di adottare un Mondo di Sì per chi non vede e non sente. Con una donazione regolare puoi aiutare Leonardo e tanti bambini come lui.
Edoardo, un bambino ospite della Lega del Filo d'Oro, sorride mentre gioca con una palla fucsia e viene preso in braccio da un'operatrice. Lo sfondo dell'immagine è arancione.
Come sostenerci
I modi per sostenerci sono tanti: ogni tua azione è preziosa e ci permette di fare la differenza.
Una vista aerea del Centro Nazionale della Lega del Filo d'Oro di Osimo, una nuova grande casa per le persone sordocieche
Progetti in cantiere
Abbiamo tanto da fare per dare un aiuto concreto a chi non vede e non sente.
Paola Rupili, utente adulta del Centro di Osimo, sorride insieme alla fisioterapista che la affianca in una sessione di idroterapia in piscina
Le nostre storie
Nessuno resta indietro, tutti hanno una storia di rinascita da raccontare.
Francesco lavora il midollino nel laboratorio di riabilitazione per costruire dei cestini
Essere sordociechi
Con gli strumenti giusti puoi diventare protagonista della tua vita.
19
maggio
2022

Dal 1964, la casa della Lega del Filo d'Oro

Foto di gruppo dei fondatori della Lega del Filo d'Oro. Sette donne tra cui anche Sabina Santilli, sono sedute attorno ad un tavolo. Dietro di loro sei uomini. L'immagine è in bianco e nero.

La casa colonica per il nostro Ente ha un forte valore simbolico. Si tratta infatti di un edificio donato dalla famiglia Valcavi, insieme al terreno dove sorge il Centro Nazionale, prima Sede Legale della Lega del Filo d’Oro.

Nella tradizione della Fondazione, a parte nel periodo di pandemia, da sempre sono accolti in visita gruppi di scolaresche, parrocchiali e sportivi, non solo della zona, ma provenienti da tutta Italia.

È stato quindi necessario organizzare un ambiente adatto all'accoglienza dei visitatori, per presentare la Lega del Filo d'Oro, le persone che la abitano e che la vivono e, soprattutto, la sua storia.

È stato naturale, pensare che l'edificio da dedicare a queste attività fosse la casa colonica dove tutto è nato, la sede legale dell'allora Associazione. 

Quest'immobile è stato recuperato mantenendo le caratteristiche delle tipiche case coloniche marchigiane, realizzando un salone a piano terra dotato di strumenti di proiezione video e di uno spazio allestito per momenti di testimonianza. Da qui, una volta presentata la Lega del Filo d'Oro, con le giuste condizioni, sarà possibile visitare il Centro Nazionale. 

Al primo piano di questo edificio, invece, sarà realizzato il nostro "Museo": un luogo in cui mettere in evidenza non solo la documentazione fotografica dei momenti più significativi dell'Ente, ma anche oggetti che rappresentano come anni fa era possibile comunicare con una persona sordocieca e insegnare ad un bambino a svolgere delle semplici attività. Una bellissima storia iniziata il 20 dicembre del 1964.

Le radici, le persone che hanno iniziato a pensare che una strada oltre il buio e il silenzio fosse percorribile, avranno sempre un posto nella nostra memoria e in quella di quanti arriveranno in futuro perchè si potrà toccare con mano la realizzazione di un sogno.