Torna indietro
Francesco, un bambino ospite della Lega del Filo d'Oro, gioca con un giocattolo. Un'operatrice lo abbraccia e ride insieme a lui.
Chi aiutiamo
Sosteniamo le persone sordocieche e con disabilità sensoriale e le loro famiglie.
Legadelfilodoro Nuovo Centro Nazionale Interni
Dove aiutiamo
Il nostro Centro Nazionale è a Osimo, ma ci sono altre nove sedi in Italia.
Alberto, un utente della Lega del Filo d'Oro, e un'operatrice ridono di gusto insieme.
Come aiutiamo
Assistiamo, educhiamo, riabilitiamo chi non vede e non sente valorizzandone al massimo le potenzialità.
Andrea e Eleonora, due centralinisti della Lega del Filo d'Oro, sono fotografati mentre lavorano. Eleonora ha la cornetta del telefono appoggiata all'orecchio ed è seduta alla scrivania. Andrea sta lavorando al computer. Entrambi guardano verso la fotocamera.
Parla con noi
Possiamo esserti d’aiuto? Compila il form e invialo!
Primo piano di Leonardo, bambino con sindrome di Charge, protagonista dello spot per la campagna della donazioni regolari
Donazioni Regolari
Scegli di adottare un Mondo di Sì per chi non vede e non sente. Con una donazione regolare puoi aiutare Leonardo e tanti bambini come lui.
Edoardo, un bambino ospite della Lega del Filo d'Oro, sorride mentre gioca con una palla fucsia e viene preso in braccio da un'operatrice. Lo sfondo dell'immagine è arancione.
Come sostenerci
I modi per sostenerci sono tanti: ogni tua azione è preziosa e ci permette di fare la differenza.
Una vista aerea del Centro Nazionale della Lega del Filo d'Oro di Osimo, una nuova grande casa per le persone sordocieche
Progetti in cantiere
Abbiamo tanto da fare per dare un aiuto concreto a chi non vede e non sente.
Paola Rupili, utente adulta del Centro di Osimo, sorride insieme alla fisioterapista che la affianca in una sessione di idroterapia in piscina
Le nostre storie
Nessuno resta indietro, tutti hanno una storia di rinascita da raccontare.
Francesco lavora il midollino nel laboratorio di riabilitazione per costruire dei cestini
Essere sordociechi
Con gli strumenti giusti puoi diventare protagonista della tua vita.
24
gennaio
2020

Il Presidente Rossano Bartoli sull'anno 2019

il presidente della Lega del Filo d'Oro Rosano Bartoli posa per una foto nel suo ufficio

L’anno che si è appena chiuso è stato impegnativo e ricco di soddisfazioni proseguendo nel cammino di sviluppo che abbiamo intrapreso e che vogliamo continuare a percorrere per supportare le persone sordocieche e pluriminorate psicosensoriali e le tante famiglie che ci chiedono aiuto.

Nel corso del 2019, a conferma dell’intenso lavoro per la rappresentanza dei diritti delle persone sordocieche, sono stati numerosi gli incontri con le varie Istituzioni e ci auspichiamo che questo possa essere un ulteriore passo per una collaborazione in grado di portare dei benefici concreti nella vita di tante famiglie, spesso sole nella gestione della difficile condizione di pluridisabilità dei propri cari.

“Insieme per costruire il futuro” è il titolo della X Assemblea Nazionale delle Famiglie che si è tenuta a giugno ad Assisi e che è stata l’occasione per raccogliere esperienze ed esigenze specifiche e per approfondire la complessa questione del “dopo di noi”, aprendo a una riflessione sull’accompagnamento delle famiglie nel percorso di costruzione di un progetto di vita che guardi al futuro loro e dei loro figli.

Continua l’impegno nell’attività Tecnico Scientifica e di Ricerca per l’area psicopedagogica e tecnologico-riabilitativa e grazie alla seconda edizione della Conferenza Internazionale delle Tecnologie Assistive (ATAD) che ha avuto la Medaglia d’oro del Presidente della Repubblica e il patrocinio di Ministeri, Istituzioni e Università e che si è tenuta a Roma dal 19 al 21 settembre, in collaborazione con l’Università Pontificia Salesiana, si è proseguito nello sviluppo e nella diffusione della conoscenza di questo settore che ha un impatto decisivo nella vita di persone con disabilità plurime permettendo loro di avere un canale di comunicazione con il mondo esterno.

L’obiettivo prioritario della Lega del Filo d’Oro per il prossimo futuro è il completamento del nuovo Centro Nazionale ma, seppur concentrati su questo traguardo, permane l’impegno per l’apertura graduale di altre sedi territoriali nelle regioni dove non siamo ancora presenti.

Le risorse private raccolte dall’Ente nel loro complesso costituiscono oltre il 65% delle entrate del bilancio, tra cui anche i lasciti testamentari e il 5x1000 che rappresentano una voce rilevante. Proprio grazie alla solidarietà di tanti la Lega del Filo d’Oro è riuscita ad aumentare e differenziare i suoi interventi rispondendo sempre più sul piano quantitativo.

Poter contare inoltre su due testimonial come Renzo Arbore e Neri Marcorè è di vitale importanza per promuovere l’Associazione, la conoscenza della sua missione e la raccolta fondi in occasione di campagne televisive come quella del sms solidale.

Il 2019 è stato anche l’anno dello spettacolo teatrale “Anna dei Miracoli”, interpretata da Mascia Musy con la regia di Emanuela Giordano e con Fabrizio Coniglio, Anna Mallamaci, Laura Nardi, prodotto dal Teatro Franco Parenti per la Lega del Filo d’Oro e andato in scena per la prima volta al Teatro La Nuova Fenice di Osimo e che prosegue la sua tournée in Italia per tutto il 2020.

A novembre, a distanza di pochissimi giorni l’uno dall’altro, la Lega del Filo d’Oro ha ricevuto due prestigiosi riconoscimenti: il “Premio al Volontariato 2019 – Costruttori di Bene Comune”, assegnato dalla Presidente del Senato ai nostri straordinari volontari in una toccante cerimonia e l’Oscar di Bilancio di Ferpi (Federazione Relazioni Pubbliche Italiana), che attesta il nostro impegno nella direzione della trasparenza e della cura delle relazioni con tutti i nostri stakeholder.

I traguardi raggiunti al 55° anniversario della fondazione della Lega del Filo d’Oro, festeggiato il 20 dicembre 2019, sono dovuti a un grande lavoro di squadra di tutte le componenti dell'Associazione, Organi Istituzionali, Consiglio di Amministrazione e Collegio dei Revisori dei Conti, dipendenti, collaboratori, volontari, famiglie e sostenitori a cui rinnovo un sentito grazie e con i quali ci auguriamo di camminare ancora insieme, giorno dopo giorno, al fianco di chi non vede e non sente.