Torna indietro
Francesco, un bambino ospite della Lega del Filo d'Oro, gioca con un giocattolo. Un'operatrice lo abbraccia e ride insieme a lui.
Chi aiutiamo
Sosteniamo le persone sordocieche e con disabilità sensoriale e le loro famiglie.
Legadelfilodoro Nuovo Centro Nazionale Interni
Dove aiutiamo
Il nostro Centro Nazionale è a Osimo, ma ci sono altre nove sedi in Italia.
Alberto, un utente della Lega del Filo d'Oro, e un'operatrice ridono di gusto insieme.
Come aiutiamo
Assistiamo, educhiamo, riabilitiamo chi non vede e non sente valorizzandone al massimo le potenzialità.
Andrea e Eleonora, due centralinisti della Lega del Filo d'Oro, sono fotografati mentre lavorano. Eleonora ha la cornetta del telefono appoggiata all'orecchio ed è seduta alla scrivania. Andrea sta lavorando al computer. Entrambi guardano verso la fotocamera.
Parla con noi
Possiamo esserti d’aiuto? Compila il form e invialo!
Berk, piccolo utente del Centro di Osimo, guarda verso l'obiettivo con un sorriso, mentre dondola su un'altalena in una delle aule del Centro Nazionale
A chi va il tuo sostegno
Con il tuo aiuto migliorerai la vita di tante persone sordocieche e delle loro famiglie.
Edoardo, un bambino ospite della Lega del Filo d'Oro, sorride mentre gioca con una palla fucsia e viene preso in braccio da un'operatrice. Lo sfondo dell'immagine è arancione.
Come sostenerci
I modi per sostenerci sono tanti: ogni tua azione è preziosa e ci permette di fare la differenza.
Una vista aerea del Centro Nazionale della Lega del Filo d'Oro di Osimo, una nuova grande casa per le persone sordocieche
Progetti in cantiere
Abbiamo tanto da fare per dare un aiuto concreto a chi non vede e non sente.
Paola Idroterapia Operatrice Legadelfilodoro
Le nostre storie
Nessuno resta indietro, tutti hanno una storia di rinascita da raccontare.
Francesco lavora il midollino nel laboratorio di riabilitazione per costruire dei cestini
Essere sordociechi
Con gli strumenti giusti puoi diventare protagonista della tua vita.
LegadelFilodOro Storia Professionisti FrancescaF
Le nostre storie

Francesca è infermiera coordinatrice del Centro di Osimo

Ritiene fondamentale sostenere le famiglie, punto centrale di ogni progetto di riabilitazione.

Il filo d’oro della “Lega” a volte ti avvolge quando sei molto giovane e non ti lascia più. Si può riassumere così la storia dell’infermiera coordinatrice Francesca Francinella, che ha iniziato la sua avventura come volontaria durante un soggiorno estivo per le persone sordocieche e poi ha continuato a camminare, un passo dopo l’altro, accanto alla Lega del Filo d’Oro: prima come Ota, poi come infermiera e infine come coordinatrice.

Una figura chiave, che interagisce con gli operatori e allo stesso tempo con le famiglie. Alla Lega del Filo d’Oro c’è un approccio cognitivo-comportamentale nel percorso di riabilitazione: in pratica le persone sordocieche o pluriminorate psicosensoriali non sono isole sganciate da tutto, ma vengono studiate e prese in carico come un tutto collegato all’ambiente che frequentano e alle persone che gravitano loro intorno. Si punta a cambiare la relazione tra ogni individuo e il suo contesto di vita, per renderlo più autonomo, per dargli la possibilità di fare delle scelte, che seppur minime, rappresentano un’importante autodeterminazione.

LegadelFilodOro Storia Professionisti FrancescaF
Francesca Francinella

Facendo due conti, sono stata più qui in Fondazione che a casa con i miei figli… ma tornassi indietro rifarei tutto.

In tutto questo, centrale è il ruolo della famiglia: e Francesca negli anni di famiglie ne ha accolte tante. Famiglie stanche, spaventate, a volte timorose anche solo di sperare in un piccolo miglioramento della condizione delle persone amate. E invece è fondamentale che la famiglia condivida il percorso dell'utente, che lo appoggi, che lo sostenga. Nel Centro di Osimo ci sono stanze pensate come piccoli appartamenti per accogliere le famiglie, che possono continuare una vita normale anche quando sono ospitate per la diagnosi iniziale o per i soggiorni da fare nel corso degli anni.

Si percepisce quanta fatica c’è dietro tutto questo, ma anche quanta volontà di aiutare e quanta gioia ogni volta che arrivano miglioramenti e passi avanti. Anche chi svolge un ruolo professionale si sente in famiglia e Francesca scherzando dice di aver passato più tempo con questa di famiglia che con la sua. Lei cerca di sdrammatizzare con un sorriso anche le situazioni più complesse, che negli anni ci sono e ci saranno sempre.

Dona ora

Con il tuo aiuto, possiamo fare ancora molto

Grazie per quello che potrai fare.

Attraverso donazioni ricorrenti, riusciamo a garantire servizi, assistenza e aiuti a un numero sempre maggiore di bambini sordociechi e pluriminorati e ai loro genitori nei nostri centri d'assistenza italiani.

Il lavoro della Lega del Filo d’Oro e dei suoi professionisti si evolve, come si evolve l’utenza di cui si fa carico. Ad esempio si è aggiunta la figura del pediatra genetista, perché a volte arrivano bambini con sindromi rare ma senza diagnosi, e probabilmente arriverà un geriatra, perché il tempo passa e gli utenti invecchiano, ma anche perché spesso ci si trova a fronteggiare situazioni di sordocecità giunte in tarda età.

A tutto Francesca fa fronte con la sua professionalità ma anche con la sua voglia di trasmettere serenità: perché alla “Lega” anche un sorriso diventa terapia!

Grazie per quello che potrai fare.