Torna indietro
Francesco, un bambino ospite della Lega del Filo d'Oro, gioca con un giocattolo. Un'operatrice lo abbraccia e ride insieme a lui.
Chi aiutiamo
Sosteniamo le persone sordocieche e con disabilità sensoriale e le loro famiglie.
Legadelfilodoro Nuovo Centro Nazionale Interni
Dove aiutiamo
Il nostro Centro Nazionale è a Osimo, ma ci sono altre nove sedi in Italia.
Alberto, un utente della Lega del Filo d'Oro, e un'operatrice ridono di gusto insieme.
Come aiutiamo
Assistiamo, educhiamo, riabilitiamo chi non vede e non sente valorizzandone al massimo le potenzialità.
Andrea e Eleonora, due centralinisti della Lega del Filo d'Oro, sono fotografati mentre lavorano. Eleonora ha la cornetta del telefono appoggiata all'orecchio ed è seduta alla scrivania. Andrea sta lavorando al computer. Entrambi guardano verso la fotocamera.
Parla con noi
Possiamo esserti d’aiuto? Compila il form e invialo!
Berk, piccolo utente del Centro di Osimo, guarda verso l'obiettivo con un sorriso, mentre dondola su un'altalena in una delle aule del Centro Nazionale
A chi va il tuo sostegno
Con il tuo aiuto migliorerai la vita di tante persone sordocieche e delle loro famiglie.
Edoardo, un bambino ospite della Lega del Filo d'Oro, sorride mentre gioca con una palla fucsia e viene preso in braccio da un'operatrice. Lo sfondo dell'immagine è arancione.
Come sostenerci
I modi per sostenerci sono tanti: ogni tua azione è preziosa e ci permette di fare la differenza.
Una vista aerea del Centro Nazionale della Lega del Filo d'Oro di Osimo, una nuova grande casa per le persone sordocieche
Progetti in cantiere
Abbiamo tanto da fare per dare un aiuto concreto a chi non vede e non sente.
Paola Idroterapia Operatrice Legadelfilodoro
Le nostre storie
Nessuno resta indietro, tutti hanno una storia di rinascita da raccontare.
Francesco lavora il midollino nel laboratorio di riabilitazione per costruire dei cestini
Essere sordociechi
Con gli strumenti giusti puoi diventare protagonista della tua vita.
LegadelFilodOro Storia Famiglie AgoSamuela+(5)
Le nostre storie

Samuela, mamma di Agostino

Samuela, mamma di Agostino nato con sindrome di Charge, sa che con la “Lega” il suo bimbo ha fatto infiniti progressi e che continuerà a farne.

Certe vite sono fatte di equilibri fragili e preziosi, delicati come fiori. Samuela, mamma di Agostino, lo sa bene: anche le cose più semplici e banali sono sfide da affrontare. Ma ci sono anche le infinite soddisfazioni che un bimbo come lui può dare.  Ed il loro è un equilibrio che poggia su tante domande: ci si interroga per ogni cosa…ad ogni decisione ci si chiede se sarà la scelta giusta. Ma con Agostino, bambino con sindrome di Charge, tutto è nuovo e complesso.

Agostino ha una malattia rara: Samuela ha atteso tre anni prima che lui si battesse col pugno la guancia per chiamarla "mamma". Ed era mamma del suo secondogenito da appena tre giorni quando i medici le hanno tolto ogni speranza di una vita più semplice: Agostino ha la sindrome di Charge. Non è semplice immaginare cosa possa essere passato nella sua mente: ma nonostante tutto è riuscita a mantenere un sorriso luminoso e bello. Lei ricorda l’attimo in cui la loro vita ha cambiato strada, quando insieme al marito Stefano ha capito che tutto sarebbe stato diverso. 

Lega del filo d%27oro-394 citazione samuela
Mamma Samuela

Uscivo da otto mesi di ospedale, ero stanca e provata: le educatrici mi hanno accolto come sorelle. Qui ti senti in famiglia!

Si sono susseguite le lunghe degenze in ospedale, il pensiero fisso al figlio maggiore Tommaso che non poteva avere accanto la sua mamma come prima. E poi il ritorno a casa e la decisione immediata di bussare alle porte della Lega del Filo d’Oro: perché come dice Samuela, nella sfortuna sono stati fortunatissimi.

La “Lega” infatti ha un percorso speciale per i bambini come Agostino: la sindrome di Charge qui viene affrontata con un percorso ad hoc, frutto di una diagnosi precoce (precocissima nel suo caso) che mette insieme un’equipe interdisciplinare di specialisti.

Ma soprattutto alla Lega del Filo d’Oro si prendono in carico le famiglie. Quando un bambino arriva con situazioni così complesse, ci sono padri, madri, fratelli, nonni, che hanno il fortissimo bisogno di capire cosa sta succedendo alla loro vita. Come crescerà quel figlio adorato. Che diritti hanno. Ma soprattutto hanno bisogno di non sentirsi soli.

E così Samuela inizia a seguire passo passo le terapie di Agostino e arriva ad imparare la lingua dei segni per poter parlare con lui. Cambia completamente la prospettiva con cui osserva suo figlio e sotto ai problemi scopre il bambino curioso, che ha voglia di giocare, che inizia finalmente a comunicare con loro.

 

Mamma Simona tiene in braccio Agostino e gli "canta" una filastrocca aiutandosi con la LIS

Alla “Lega” Samuela ha scoperto che suo figlio ha tante potenzialità che vanno scoperte, stimolate e allenate. Ha capito che c’è un raggio di sole anche per il suo Agostino. E con il tuo aiuto sarà possibile continuare a illuminare la sua vita.

Dona ora

Con il tuo aiuto, possiamo fare ancora molto per Agostino

Grazie a te potrà continuare il suo viaggio.

Attraverso donazioni ricorrenti, riusciamo a garantire servizi, assistenza e aiuti a un numero sempre maggiore di bambini sordociechi e pluriminorati e ai loro genitori nei nostri centri d'assistenza italiani.

Grazie a te potrà continuare il suo viaggio.