Torna indietro
Francesco, un bambino ospite della Lega del Filo d'Oro, gioca con un giocattolo. Un'operatrice lo abbraccia e ride insieme a lui.
Chi aiutiamo
Sosteniamo le persone sordocieche e con disabilità sensoriale e le loro famiglie.
Legadelfilodoro Nuovo Centro Nazionale Interni
Dove aiutiamo
Il nostro Centro Nazionale è a Osimo, ma ci sono altre nove sedi in Italia.
Alberto, un utente della Lega del Filo d'Oro, e un'operatrice ridono di gusto insieme.
Come aiutiamo
Assistiamo, educhiamo, riabilitiamo chi non vede e non sente valorizzandone al massimo le potenzialità.
Andrea e Eleonora, due centralinisti della Lega del Filo d'Oro, sono fotografati mentre lavorano. Eleonora ha la cornetta del telefono appoggiata all'orecchio ed è seduta alla scrivania. Andrea sta lavorando al computer. Entrambi guardano verso la fotocamera.
Parla con noi
Possiamo esserti d’aiuto? Compila il form e invialo!
Berk, piccolo utente del Centro di Osimo, guarda verso l'obiettivo con un sorriso, mentre dondola su un'altalena in una delle aule del Centro Nazionale
A chi va il tuo sostegno
Con il tuo aiuto migliorerai la vita di tante persone sordocieche e delle loro famiglie.
Edoardo, un bambino ospite della Lega del Filo d'Oro, sorride mentre gioca con una palla fucsia e viene preso in braccio da un'operatrice. Lo sfondo dell'immagine è arancione.
Come sostenerci
I modi per sostenerci sono tanti: ogni tua azione è preziosa e ci permette di fare la differenza.
Una vista aerea del Centro Nazionale della Lega del Filo d'Oro di Osimo, una nuova grande casa per le persone sordocieche
Progetti in cantiere
Abbiamo tanto da fare per dare un aiuto concreto a chi non vede e non sente.
Paola Idroterapia Operatrice Legadelfilodoro
Le nostre storie
Nessuno resta indietro, tutti hanno una storia di rinascita da raccontare.
Francesco lavora il midollino nel laboratorio di riabilitazione per costruire dei cestini
Essere sordociechi
Con gli strumenti giusti puoi diventare protagonista della tua vita.
LegadelFilodOro Storia Volontari Pasquale
Le nostre storie

Tra Pasquale, volontario, e Giovanni c’è un’amicizia speciale.

Pasquale, volontario di Molfetta, coltiva una bella amicizia con Giovanni. È al suo fianco ogni giorno, pronto ad aiutarlo a realizzare i suoi sogni!

Guarda il video

Pasquale, volontario di Molfetta, ha fatto la prima visita nel Servizio Territoriale della Lega del Filo d’Oro di controvoglia, solo per accontentare la figlia che lì era educatrice.

La tristezza e l’angoscia che gli trasmetteva l’idea della disabilità e della sofferenza, l’avevano sempre tenuto lontano: ma ha fatto fatica a nascondere la sorpresa quando si è reso conto che invece stava partecipando ad una festa, c’era gente che sorrideva, stava incontrando persone felici.

pasquale
Pasquale, volontario

Quando i ragazzi riescono a esprimere le loro potenzialità vivi delle emozioni che fanno restare “legato” come è successo a me!

La strana sensazione data da quel primo incontro gli è rimasta dentro per anni e all’arrivo della pensione ha deciso di diventare volontario della Lega del Filo d’Oro.  E non un volontario con qualche ora da dedicare alle persone sordocieche, ma un volontario che si è messo completamente a disposizione, ogni giorno della settimana, per ogni necessità della “Lega”.

Pasquale sente che il suo posto è lì, sia che si tratti di aiutare i bambini durante i soggiorni estivi, sia che accompagni gli utenti al mercato, sia che porti chi ne ha bisogno a fare una visita medica.

 

Vuoi saperne di più?

Contattaci, ti racconteremo come cambiare la tua vita e quella degli altri

Regala un sorriso ai nostri ospiti
Ufficio Attività Associative e Volontariato
+39 071 7245302
orario: 9.00-17.00 dal lunedì al venerdì

La figura del volontario, nella Lega del Filo d’Oro, si è evoluta nel tempo.

All’inizio c’erano solo loro a sostenere in ogni azione Sabina Santilli nel suo progetto, poi man mano che la “Lega” cresceva, è diventato necessario organizzare al meglio anche il ruolo di queste figure. La gestione del volontariato è organizzata secondo documenti e procedure codificate che rientrano nel Sistema di Gestione Integrato Qualità e Sicurezza. Questo permette di garantire l’uniformità delle procedure in tutte le sedi e anche la qualità del lavoro, poiché in questo modo nulla è lasciato all’improvvisazione, sia che si tratti di fare la valutazione di un aspirante volontario oppure un “abbinamento” con un utente.

E a volte questi abbinamenti portano ad amicizie destinate a durare nel tempo, come quella nata tra Pasquale e l’utente sordocieco Giovanni. Pasquale lo accompagna a svolgere le sue commissioni, vanno al mare a chiacchierare, pranzano insieme e sono diventati come due fratelli. Giovanni può contare su Pasquale, che capisce al volo ogni cosa e lo aiuta nella vita quotidiana. Pasquale sa che Giovanni ha tanti sogni da realizzare e lui sarà al suo fianco: come fai tu, che sostieni la Lega del Filo d’Oro.