Torna indietro
Francesco, un bambino ospite della Lega del Filo d'Oro, gioca con un giocattolo. Un'operatrice lo abbraccia e ride insieme a lui.
Chi aiutiamo
Sosteniamo le persone sordocieche e con disabilità sensoriale e le loro famiglie.
Legadelfilodoro Nuovo Centro Nazionale Interni
Dove aiutiamo
Il nostro Centro Nazionale è a Osimo, ma ci sono altre nove sedi in Italia.
Alberto, un utente della Lega del Filo d'Oro, e un'operatrice ridono di gusto insieme.
Come aiutiamo
Assistiamo, educhiamo, riabilitiamo chi non vede e non sente valorizzandone al massimo le potenzialità.
Andrea e Eleonora, due centralinisti della Lega del Filo d'Oro, sono fotografati mentre lavorano. Eleonora ha la cornetta del telefono appoggiata all'orecchio ed è seduta alla scrivania. Andrea sta lavorando al computer. Entrambi guardano verso la fotocamera.
Parla con noi
Possiamo esserti d’aiuto? Compila il form e invialo!
Primo piano di Leonardo, bambino con sindrome di Charge, protagonista dello spot per la campagna della donazioni regolari
Donazioni Regolari
Scegli di adottare un Mondo di Sì per chi non vede e non sente. Con una donazione regolare puoi aiutare Leonardo e tanti bambini come lui.
Edoardo, un bambino ospite della Lega del Filo d'Oro, sorride mentre gioca con una palla fucsia e viene preso in braccio da un'operatrice. Lo sfondo dell'immagine è arancione.
Come sostenerci
I modi per sostenerci sono tanti: ogni tua azione è preziosa e ci permette di fare la differenza.
Una vista aerea del Centro Nazionale della Lega del Filo d'Oro di Osimo, una nuova grande casa per le persone sordocieche
Progetti in cantiere
Abbiamo tanto da fare per dare un aiuto concreto a chi non vede e non sente.
Paola Rupili, utente adulta del Centro di Osimo, sorride insieme alla fisioterapista che la affianca in una sessione di idroterapia in piscina
Le nostre storie
Nessuno resta indietro, tutti hanno una storia di rinascita da raccontare.
Francesco lavora il midollino nel laboratorio di riabilitazione per costruire dei cestini
Essere sordociechi
Con gli strumenti giusti puoi diventare protagonista della tua vita.
21
febbraio
2020

Fondazione Lucia Guderzo e Lega del Filo d’Oro conferiscono il “Premio Braille” 2020 a una studentessa romana di 16 anni

Foto della consegna del premio Braille della fondazione Lucia Guderzo. foto di gruppo

21 Febbraio - Giornata Nazionale del Braille

In occasione della Giornata Nazionale del Braille,istituita il 3 agosto 2007 con la Legge 126/2007, che rappresenta un momento di sensibilizzazione dell'opinione pubblica nei confronti delle persone non vedenti, la Fondazione Lucia Guderzo e la Lega del Filo d’Orohanno premiato con un display braille Emilia, una giovane studentessa romana di 16 anni.

La cerimonia di premiazione ha avuto luogo presso “La Taverna degli Archi” a Belvedere Ostrense in provincia di AnconaSono intervenuti Davide Cervellin, Presidente della Fondazione Lucia Guderzo, Rossano Bartoli, Presidente della Lega del Filo d’Oro e Antonio Ciotola, Chef de “La Taverna degli Archi” di origini napoletane che nel 2005 ha perso la vista a causa di un incidente.

Il premio consiste in un display braille di ultima generazione compatibile con gli screen reader più diffusi che consente di interagire con più device contemporaneamente, come smartphone, tablet e PC. Oltre ai comuni tasti di scorrimento accanto alle celle e alla tastiera Braille, nella parte superiore ci sono diversi tasti equivalenti a quelli di una tastiera standard che permettono di gestire il pc senza dover spostare continuamente le mani dal display Braille e senza utilizzare tante combinazioni di tasti.

Il nostro Paese dispone di tecnologie molto avanzate, anche per le persone con disabilità plurime, ma è fondamentale che queste siano semplificate e che sia prevista un’ opportuna formazione anche per insegnanti, operatori, familiari affinché siano sempre più accessibili. Le Tecnologie Assistive, infatti, hanno un impatto decisivo permettendo un canale di comunicazione con il mondo esterno a chi altrimenti rimarrebbe chiuso nel suo isolamento.

L’augurio è che questo dono sia di aiuto ad  Emilia per continuare a studiare con più facilità e raggiungere nuovi importanti traguardi.