Torna indietro
Francesco, un bambino ospite della Lega del Filo d'Oro, gioca con un giocattolo. Un'operatrice lo abbraccia e ride insieme a lui.
Chi aiutiamo
Sosteniamo le persone sordocieche e con disabilità sensoriale e le loro famiglie.
Legadelfilodoro Nuovo Centro Nazionale Interni
Dove aiutiamo
Il nostro Centro Nazionale è a Osimo, ma ci sono altre nove sedi in Italia.
Alberto, un utente della Lega del Filo d'Oro, e un'operatrice ridono di gusto insieme.
Come aiutiamo
Assistiamo, educhiamo, riabilitiamo chi non vede e non sente valorizzandone al massimo le potenzialità.
Andrea e Eleonora, due centralinisti della Lega del Filo d'Oro, sono fotografati mentre lavorano. Eleonora ha la cornetta del telefono appoggiata all'orecchio ed è seduta alla scrivania. Andrea sta lavorando al computer. Entrambi guardano verso la fotocamera.
Parla con noi
Possiamo esserti d’aiuto? Compila il form e invialo!
Primo piano di Leonardo, bambino con sindrome di Charge, protagonista dello spot per la campagna della donazioni regolari
Donazioni Regolari
Scegli di adottare un Mondo di Sì per chi non vede e non sente. Con una donazione regolare puoi aiutare Leonardo e tanti bambini come lui.
Edoardo, un bambino ospite della Lega del Filo d'Oro, sorride mentre gioca con una palla fucsia e viene preso in braccio da un'operatrice. Lo sfondo dell'immagine è arancione.
Come sostenerci
I modi per sostenerci sono tanti: ogni tua azione è preziosa e ci permette di fare la differenza.
Una vista aerea del Centro Nazionale della Lega del Filo d'Oro di Osimo, una nuova grande casa per le persone sordocieche
Progetti in cantiere
Abbiamo tanto da fare per dare un aiuto concreto a chi non vede e non sente.
Paola Rupili, utente adulta del Centro di Osimo, sorride insieme alla fisioterapista che la affianca in una sessione di idroterapia in piscina
Le nostre storie
Nessuno resta indietro, tutti hanno una storia di rinascita da raccontare.
Francesco lavora il midollino nel laboratorio di riabilitazione per costruire dei cestini
Essere sordociechi
Con gli strumenti giusti puoi diventare protagonista della tua vita.
Conferenza+ATAD 2019 LegadelFilodOro

Attività tecnico scientifica

Collaborazioni internazionali

La Lega del Filo d’Oro, oltre a collaborare con Enti, Istituzioni e Associazioni del territorio nazionale, ha anche un’attività ricca e di valore di collaborazioni con Enti e Organizzazioni internazionali.

Così si perseguono obiettivi comuni, come il miglioramento della qualità della vita delle persone con sordocecità e pluriminorazione psicosensoriale. Vengono organizzati convegni, workshop e seminari che hanno inoltre lo scopo di sensibilizzare la popolazione nei confronti di chi ha una pluridisabilità.

Patrizia ATAD 2017

La Lega del Filo d’Oro opera all’interno di diverse organizzazioni,  tra cui possiamo citare la Deafblind International, che riunisce professionisti, persone con sordocecità, ricercatori e amministratori che operano in relazione alle problematiche relative alla sordocecità, il network “Charge Technology”, la European Deafblind Network, la Rete Europea sulla sordocecità, a cui la Lega del Filo d'Oro partecipa come rappresentante dell'Italia, il Gruppo MDVI Euronet: operante in funzione dello sviluppo della conoscenza, comprensione e analisi delle buone prassi sull'educazione di bambini e ragazzi pluriminorati psico-sensoriali e altri ancora.

Nel 2019 la Lega del Filo d’Oro ha aderito a due progetti di durata triennale con alcuni partner europei.

  • Il progetto “Social haptic signs for deaf and blind in education” ha l’obiettivo raccogliere e rendere accessibili 300 segni aptici (tattili) sociali.

  • Il progetto “Smile too — Social skills make inclusive life easier too” punta invece a insegnare le abilità a bambini e ragazzi con problematiche visive e altre disabilità attraverso la formazione di chi li educa e dei familiari.

  • A dicembre 2020 è iniziato il Progetto Europeo OPEYE, "Open and Portable software library for rapid eye tracking" il cui obiettivo è migliorare la qualità di vita della persona MDVI (Multiple Disability Visual Impairment) grazie all'interazione con i computer ma attraverso il tracciamento oculare.