Torna indietro
Francesco, un bambino ospite della Lega del Filo d'Oro, gioca con un giocattolo. Un'operatrice lo abbraccia e ride insieme a lui.
Chi aiutiamo
Sosteniamo le persone sordocieche e con disabilità sensoriale e le loro famiglie.
Legadelfilodoro Nuovo Centro Nazionale Interni
Dove aiutiamo
Il nostro Centro Nazionale è a Osimo, ma ci sono altre nove sedi in Italia.
Alberto, un utente della Lega del Filo d'Oro, e un'operatrice ridono di gusto insieme.
Come aiutiamo
Assistiamo, educhiamo, riabilitiamo chi non vede e non sente valorizzandone al massimo le potenzialità.
Andrea e Eleonora, due centralinisti della Lega del Filo d'Oro, sono fotografati mentre lavorano. Eleonora ha la cornetta del telefono appoggiata all'orecchio ed è seduta alla scrivania. Andrea sta lavorando al computer. Entrambi guardano verso la fotocamera.
Parla con noi
Possiamo esserti d’aiuto? Compila il form e invialo!
Primo piano di Leonardo, bambino con sindrome di Charge, protagonista dello spot per la campagna della donazioni regolari
Donazioni Regolari
Scegli di adottare un Mondo di Sì per chi non vede e non sente. Con una donazione regolare puoi aiutare Leonardo e tanti bambini come lui.
Edoardo, un bambino ospite della Lega del Filo d'Oro, sorride mentre gioca con una palla fucsia e viene preso in braccio da un'operatrice. Lo sfondo dell'immagine è arancione.
Come sostenerci
I modi per sostenerci sono tanti: ogni tua azione è preziosa e ci permette di fare la differenza.
Una vista aerea del Centro Nazionale della Lega del Filo d'Oro di Osimo, una nuova grande casa per le persone sordocieche
Progetti in cantiere
Abbiamo tanto da fare per dare un aiuto concreto a chi non vede e non sente.
Paola Rupili, utente adulta del Centro di Osimo, sorride insieme alla fisioterapista che la affianca in una sessione di idroterapia in piscina
Le nostre storie
Nessuno resta indietro, tutti hanno una storia di rinascita da raccontare.
Francesco lavora il midollino nel laboratorio di riabilitazione per costruire dei cestini
Essere sordociechi
Con gli strumenti giusti puoi diventare protagonista della tua vita.
04
dicembre
2020

5 dicembre, Giornata Internazionale del Volontariato

Sono fotografate le mani di due persone che comunicano con il metodo Malossi. Alla base dell'immagine sono inseriti due loghi: Soprintendenza Speciale di Roma e Lega del Filo D'Oro

I nostri volontari, il filo prezioso che unisce chi non vede e non sente

Il 5 dicembre si celebra la Giornata Internazionale del Volontariato, istituita dall'Assemblea dell'Onu nel dicembre 1985, con lo scopo di "riconoscere e promuovere l’impegno, il tempo e le capacità dei volontari in tutto il mondo".

I volontari ricoprono un ruolo centrale alla Lega del Filo d’Oro in quanto rappresentano proprio quel “filo prezioso” che unisce chi non vede e non sente al resto del mondo.

In questo momento difficile per tutti a causa della pandemia, per le persone sordocieche è stato un tempo di "doppio isolamento" perché all’isolamento dato dalla minorazione sensoriale, si è aggiunto quello causato delle restrizioni relazionali imposte dall’emergenza sanitaria in corso.

Anche le attività dei volontari sono cambiate e sono state ridotte, nel rispetto della sicurezza di tutti, ma lo spirito e la “vicinanza” vogliono rimanere le stesse.

volontari sono fondamentali per aiutare la persona sordocieca a sentirsi partecipe della propria vita oltre la disabilità in qualunque contesto, svolgendo il ruolo di guida negli accompagnamenti, di intermediario con il mondo esterno e di punto di accesso alle informazioni, offrendo la possibilità di vivere una relazione libera e spontanea.

Il Settore Associativo e Volontariato coordina il loro reclutamento, la loro attività e la formazione a livello centrale. In tutte le sedi della “Lega” è presente un referente dedicato. Nel corso del 2019 i volontari della Lega del Filo d’Oro sono stati 704 e hanno prestato oltre 59.000 ore di servizio all’Ente. Un impegno che è stato insignito del “Premio al volontariato 2019”, riconoscimento istituito per la prima volta nella storia del Senato.

A tutti i Volontari un sentito ringraziamento per il loro concreto aiuto a fianco delle persone sordocieche e pluriminorate psicosensoriali, con l’augurio di tornare presto alla normalità uniti dalla passione di sempre.