Torna indietro
Matteo, piccolo utente del Centro Diagnostico, ride in braccio alla sua educatrice che batte le mani e gioca con lui. L'educatrice indossa camice monouso e mascherina chirurgica
Chi aiutiamo
Sosteniamo le persone sordocieche e con disabilità sensoriale e le loro famiglie.
Legadelfilodoro Nuovo Centro Nazionale Interni
Dove aiutiamo
Il nostro Centro Nazionale è a Osimo, ma ci sono altre nove sedi in Italia.
Alberto, un utente della Lega del Filo d'Oro, e un'operatrice ridono di gusto insieme.
Come aiutiamo
Assistiamo, educhiamo, riabilitiamo chi non vede e non sente valorizzandone al massimo le potenzialità.
Andrea e Eleonora, due centralinisti della Lega del Filo d'Oro, sono fotografati mentre lavorano. Eleonora ha la cornetta del telefono appoggiata all'orecchio ed è seduta alla scrivania. Andrea sta lavorando al computer. Entrambi guardano verso la fotocamera.
Parla con noi
Possiamo esserti d’aiuto? Compila il form e invialo!
Edoardo+con+educatrice+specchiata
Donazioni Regolari
Scegli di adottare un Mondo di Sì per chi non vede e non sente. Con una donazione regolare puoi aiutare Edoardo e tanti bambini come lui.
Primo piano di Leonardo, bambino con sindrome di Charge, protagonista dello spot per la campagna della donazioni regolari
Come sostenerci
I modi per sostenerci sono tanti: ogni tua azione è preziosa e ci permette di fare la differenza.
Una vista aerea del Centro Nazionale della Lega del Filo d'Oro di Osimo, una nuova grande casa per le persone sordocieche
Progetti in cantiere
Abbiamo tanto da fare per dare un aiuto concreto a chi non vede e non sente.
Paola Rupili, utente adulta del Centro di Osimo, sorride insieme alla fisioterapista che la affianca in una sessione di idroterapia in piscina
Le nostre storie
Nessuno resta indietro, tutti hanno una storia di rinascita da raccontare.
Francesco lavora il midollino nel laboratorio di riabilitazione per costruire dei cestini
Essere sordociechi
Con gli strumenti giusti puoi diventare protagonista della tua vita.
20
dicembre
2023

59 anni al fianco delle persone sordocieche per andare oltre il buio e il silenzio. Tanti auguri di buone feste a coloro che rendono tutto questo possibile

thumbnail LFO+Natale+2023+(185)

In occasione del 59° anniversario dalla sua fondazione e in vista del Natale, la Lega del Filo d’Oro promuove momenti di festa e socializzazione in tutte le sue sedi. Un Natale speciale che vedrà inoltre il Centro Nazionale, per la prima volta, abitato da tutti gli ospiti adulti trasferitisi nelle scorse settimane.

Un anno ricco di importanti traguardi raggiunti, sogni che sono diventati realtà, tante sfide e nuovi inizi, quello che volge al termine per la Fondazione Lega del Filo d’Oro ETS, che compie il suo 59° anniversario e si appresta, nel 2024, a celebrare i 60 anni dalla sua fondazione, avvenuta il 20 dicembre 1964. Da allora quel filo prezioso, fatto d’amore, competenza e passione, accompagna ogni giorno le persone sordocieche e pluriminorate psicosensoriali fuori dal buio e dal silenzio per unirle al mondo che le circonda. Un filo invisibile che si trasforma in speranza per chi non vede e non sente e le loro famiglie, grazie all’impegno di educatori, medici, terapisti, volontari e ai tanti sostenitori.

In occasione della celebrazione del 59° anniversario dalla sua fondazione e in vista delle Festività Natalizie, la Lega del Filo d’Oro promuove diverse iniziative dedicate al Natale in tutti i suoi Centri e nelle Sedi Territoriali. Gite fuori porta, pranzi e merende insieme per scambiarsi gli auguri e speciali laboratori a tema natalizio: sono tante le attività pensate dalla Fondazione per far vivere lo spirito del Natale a chi non vede e non sente e coinvolgere utenti e famiglie in preziosi momenti di relazione, svago e socialità.

Questo Natale, inoltre, vedrà pienamente abitato il Centro Nazionale di Osimo, il polo di alta specializzazione inaugurato a marzo alla presenza del Presidente della Repubblica: si è svolto nei giorni scorsi infatti il trasferimento dei 37 utenti adulti, che si sono stabiliti nelle palazzine residenziali e per la prima volta saranno tutti riuniti nel nuovo Centro Nazionale. Grazie a tutto il personale della Fondazione, al Consiglio di Amministrazione, ai volontari per l’incessante impegno, ai consulenti, alle tante famiglie che rinnovano costantemente la loro fiducia in noi e ai tanti sostenitori, senza i quali tutti i nostri sforzi non sarebbero possibili. A tutti i migliori auguri di buone feste e di un sereno 2024.