Torna indietro
Francesco, un bambino ospite della Lega del Filo d'Oro, gioca con un giocattolo. Un'operatrice lo abbraccia e ride insieme a lui.
Chi aiutiamo
Sosteniamo le persone sordocieche e con disabilità sensoriale e le loro famiglie.
Legadelfilodoro Nuovo Centro Nazionale Interni
Dove aiutiamo
Il nostro Centro Nazionale è a Osimo, ma ci sono altre nove sedi in Italia.
Alberto, un utente della Lega del Filo d'Oro, e un'operatrice ridono di gusto insieme.
Come aiutiamo
Assistiamo, educhiamo, riabilitiamo chi non vede e non sente valorizzandone al massimo le potenzialità.
Andrea e Eleonora, due centralinisti della Lega del Filo d'Oro, sono fotografati mentre lavorano. Eleonora ha la cornetta del telefono appoggiata all'orecchio ed è seduta alla scrivania. Andrea sta lavorando al computer. Entrambi guardano verso la fotocamera.
Parla con noi
Possiamo esserti d’aiuto? Compila il form e invialo!
Primo piano di Leonardo, bambino con sindrome di Charge, protagonista dello spot per la campagna della donazioni regolari
Donazioni Regolari
Scegli di adottare un Mondo di Sì per chi non vede e non sente. Con una donazione regolare puoi aiutare Leonardo e tanti bambini come lui.
Edoardo, un bambino ospite della Lega del Filo d'Oro, sorride mentre gioca con una palla fucsia e viene preso in braccio da un'operatrice. Lo sfondo dell'immagine è arancione.
Come sostenerci
I modi per sostenerci sono tanti: ogni tua azione è preziosa e ci permette di fare la differenza.
Una vista aerea del Centro Nazionale della Lega del Filo d'Oro di Osimo, una nuova grande casa per le persone sordocieche
Progetti in cantiere
Abbiamo tanto da fare per dare un aiuto concreto a chi non vede e non sente.
Paola Rupili, utente adulta del Centro di Osimo, sorride insieme alla fisioterapista che la affianca in una sessione di idroterapia in piscina
Le nostre storie
Nessuno resta indietro, tutti hanno una storia di rinascita da raccontare.
Francesco lavora il midollino nel laboratorio di riabilitazione per costruire dei cestini
Essere sordociechi
Con gli strumenti giusti puoi diventare protagonista della tua vita.
25
gennaio
2022

Sette menù per sette giorni

Bruna Napoli+(2)

Con l'aiuto di una volontaria del Servizio Territoriale di Napoli, Bruna ha ideato un ricettario con piatti tradizionali della cucina locale

La passione per la cucina Bruna ce l’ha nel dna: una tradizione di famiglia, dal momento che il nonno aprì una trattoria. Lei è una giovane donna sordocieca seguita dalla Sede Territoriale di Napoli. «Bruna è cresciuta in mezzo ai fornelli», spiega la volontaria Antonella Miraglia. È grazie a lei che è nato il ricettario “A tavola con Bruna e Bruno - 7 menù per 7 giorni”. I piatti proposti sono quelli tradizionali della cucina napoletana, rivisitati dal fratello di Bruna. «Questo ricettario è anche un omaggio a papà Bruno, venuto a mancare durante la pandemia», continua Antonella. Ma come è nata l’idea? «Prima del Covid affiancavo Bruna in palestra. Con il lockdown e la sospensione dell’attività in palestra Leopoldo, un operatore della Sede, mi ha proposto di sentire Bruna al telefono con l’obiettivo di restare insieme e far sì che non si chiudesse in sé stessa» ricorda la volontaria. Chiacchierando è venuta l’idea del ricettario: «Bruna ne è rimasta entusiasta. Adesso spesso mi dice: “Ho una nuova ricetta, quando facciamo il secondo libro?”».

Vuoi provare una delle buonissime ricette di Bruna? Scoprile e scaricale cliccando sull'immagine qui sotto!

Nella foto in alto, Bruna (in mezzo) in occasione della raccolta delle castagne organizzata dal Servizio Territoriale di Napoli lo scorso anno