Torna indietro
Matteo, piccolo utente del Centro Diagnostico, ride in braccio alla sua educatrice che batte le mani e gioca con lui. L'educatrice indossa camice monouso e mascherina chirurgica
Chi aiutiamo
Sosteniamo le persone sordocieche e con disabilità sensoriale e le loro famiglie.
Legadelfilodoro Nuovo Centro Nazionale Interni
Dove aiutiamo
Il nostro Centro Nazionale è a Osimo, ma ci sono altre nove sedi in Italia.
Alberto, un utente della Lega del Filo d'Oro, e un'operatrice ridono di gusto insieme.
Come aiutiamo
Assistiamo, educhiamo, riabilitiamo chi non vede e non sente valorizzandone al massimo le potenzialità.
Andrea e Eleonora, due centralinisti della Lega del Filo d'Oro, sono fotografati mentre lavorano. Eleonora ha la cornetta del telefono appoggiata all'orecchio ed è seduta alla scrivania. Andrea sta lavorando al computer. Entrambi guardano verso la fotocamera.
Parla con noi
Possiamo esserti d’aiuto? Compila il form e invialo!
Edoardo+con+educatrice+x+lp+adotta
Donazioni Regolari
Scegli di adottare un Mondo di Sì per chi non vede e non sente. Con una donazione regolare puoi aiutare Edoardo e tanti bambini come lui.
Primo piano di Leonardo, bambino con sindrome di Charge, protagonista dello spot per la campagna della donazioni regolari
Come sostenerci
I modi per sostenerci sono tanti: ogni tua azione è preziosa e ci permette di fare la differenza.
Una vista aerea del Centro Nazionale della Lega del Filo d'Oro di Osimo, una nuova grande casa per le persone sordocieche
Progetti in cantiere
Abbiamo tanto da fare per dare un aiuto concreto a chi non vede e non sente.
Paola Rupili, utente adulta del Centro di Osimo, sorride insieme alla fisioterapista che la affianca in una sessione di idroterapia in piscina
Le nostre storie
Nessuno resta indietro, tutti hanno una storia di rinascita da raccontare.
Francesco lavora il midollino nel laboratorio di riabilitazione per costruire dei cestini
Essere sordociechi
Con gli strumenti giusti puoi diventare protagonista della tua vita.
04
ottobre
2023

Giornata Nazionale del Dono: grazie agli oltre 475.000 donatori attivi che permettono di sostenere il futuro di chi non vede e non sente

filodoropro-20

In occasione della Giornata Nazionale del Dono la Lega del Filo d’Oro ricorda l’importanza dei tanti sostenitori privati che nel corso degli anni hanno dimostrato la propria vicinanza accanto alla Fondazione e alle persone sordocieche e pluriminorate psicosensoriali e promuove la XV Giornata del Sostenitore.

Donare è un nobile atto di generosità in grado di cambiare la vita di tante persone che non vedono e non sentono e delle loro famiglie. È un importante gesto di altruismo che rende felice non solo chi ne beneficia, ma anche chi lo fa, soprattutto perché quel gesto racchiude un significato più grande. In occasione della Giornata Nazionale del Dono (4 ottobre), la Fondazione Lega del Filo d’Oro vuole ricordare l’importanza dei suoi 475.083 donatori attivi[1] che nel corso del 2022 sono stati accanto alle persone sordocieche e pluriminorate psicosensoriali e nello stesso giorno organizza la XV edizione della Giornata del Sostenitore, l’annuale appuntamento pensato per i donatori che vogliono conoscere da vicino l’impegno e il lavoro della Fondazione.

Quello dei sostenitori privati è un contributo fondamentale che permette all’Ente di poter proseguire nelle attività e pianificare risposte sempre più efficaci per i propri utenti, mantenendo alto lo standard dei propri servizi. Consente inoltre di volgere lo sguardo agli obiettivi futuri non solo attraverso la crescita delle competenze, ma anche mediante una presenza sempre più capillare sul territorio grazie all’apertura di nuove Sedi. Nel 2022 le donazioni dei sostenitori privati - individui, aziende o fondazioni – hanno permesso di coprire circa l’81% dei costi sostenuti dalla Fondazione, confermando la netta e crescente prevalenza dei contributi privati rispetto a quelli pubblici.

Seppur anche quest’anno a distanza, non potevamo non accogliere e ringraziare i tanti sostenitori che ogni anno scelgono di stare accanto a chi non vede e non sente, dedicando loro la “XV Giornata del Sostenitore”. Perché il nostro lavoro è da sempre orientato a valorizzare le potenzialità di ciascuna persona, andando oltre i limiti tracciati dalla disabilità, e i nostri donatori ci permettono di crescere e di fornire risposte sempre più concrete ai loro bisogni.

 

[1] Dati tratti dal Bilancio Sociale 2022