Torna indietro
Francesco, un bambino ospite della Lega del Filo d'Oro, gioca con un giocattolo. Un'operatrice lo abbraccia e ride insieme a lui.
Chi aiutiamo
Sosteniamo le persone sordocieche e con disabilità sensoriale e le loro famiglie.
Legadelfilodoro Nuovo Centro Nazionale Interni
Dove aiutiamo
Il nostro Centro Nazionale è a Osimo, ma ci sono altre nove sedi in Italia.
Alberto, un utente della Lega del Filo d'Oro, e un'operatrice ridono di gusto insieme.
Come aiutiamo
Assistiamo, educhiamo, riabilitiamo chi non vede e non sente valorizzandone al massimo le potenzialità.
Andrea e Eleonora, due centralinisti della Lega del Filo d'Oro, sono fotografati mentre lavorano. Eleonora ha la cornetta del telefono appoggiata all'orecchio ed è seduta alla scrivania. Andrea sta lavorando al computer. Entrambi guardano verso la fotocamera.
Parla con noi
Possiamo esserti d’aiuto? Compila il form e invialo!
Primo piano di Leonardo, bambino con sindrome di Charge, protagonista dello spot per la campagna della donazioni regolari
Donazioni Regolari
Scegli di adottare un Mondo di Sì per chi non vede e non sente. Con una donazione regolare puoi aiutare Leonardo e tanti bambini come lui.
Edoardo, un bambino ospite della Lega del Filo d'Oro, sorride mentre gioca con una palla fucsia e viene preso in braccio da un'operatrice. Lo sfondo dell'immagine è arancione.
Come sostenerci
I modi per sostenerci sono tanti: ogni tua azione è preziosa e ci permette di fare la differenza.
Una vista aerea del Centro Nazionale della Lega del Filo d'Oro di Osimo, una nuova grande casa per le persone sordocieche
Progetti in cantiere
Abbiamo tanto da fare per dare un aiuto concreto a chi non vede e non sente.
Paola Rupili, utente adulta del Centro di Osimo, sorride insieme alla fisioterapista che la affianca in una sessione di idroterapia in piscina
Le nostre storie
Nessuno resta indietro, tutti hanno una storia di rinascita da raccontare.
Francesco lavora il midollino nel laboratorio di riabilitazione per costruire dei cestini
Essere sordociechi
Con gli strumenti giusti puoi diventare protagonista della tua vita.
18
aprile
2022

LA LEGA DEL FILO D’ORO INVITA TUTTI A PARTECIPARE ALLA SECONDA EDIZIONE DELLO YARN BOMBING PER SENSIBILIZZARE SULLA SORDOCECITÀ

20220419+YARNBOMBING

Un patchwork intessuto di tutti i colori e i fili della solidarietà per aumentare la consapevolezza e la conoscenza della sordocecità e ricordare i diritti delle persone sordocieche in tutto il mondo: è questo l’obiettivo della seconda edizione dello Yarn Bombing, l’iniziativa promossa in Italia dalla Fondazione Lega del Filo d’Oro Onlus, punto di riferimento per la sordocecità e la pluriminorazione psicosensoriale e membro della rete Deafblind International. Hashtag dell’iniziativa #perfiloepersegno

Osimo, 19 aprile 2022 – Dopo il successo e la grande partecipazione del 2021, la Fondazione Lega del Filo d’Oro Onlus si fa nuovamente promotrice, in Italia, della seconda edizione dell’iniziativa globale Yarn Bombing: il variopinto “bombardamento di manufatti di filato” riproposto dalla rete Deafblind International - di cui l’Ente fa parte - per coinvolgere in modo divertente e creativo le persone con sordocieche in un progetto artistico tattile su larga scala, abbattere i pregiudizi e sensibilizzare sulla sordocecità. L’obiettivo dell’edizione 2022 è quello di dare vita ad un movimento ancora più grande, capace di aumentare la consapevolezza e la conoscenza della sordocecità come disabilità unica e specifica a livello globale, ricordare i diritti delle persone sordocieche e promuoverli in tutto il mondo.

 

Per questo la Fondazione invita tutti a partecipare all’iniziativa a partire dal 29 maggio - in occasione dell’anniversario di nascita di Sabina Santilli, fondatrice dell’Ente  - fino ad arrivare alla giornata clou del 27 giugno, per celebrare la Giornata Internazionale della sordocecità. Basterà realizzare un manufatto di filato ricordando di inserire anche un elemento color oro e condividere una foto sui propri canali social taggando la @legadelfilodoroonlus e inserendo l’hashtag #perfiloepersegno. Con un gesto simbolico, si potrà sostenere la causa della Fondazione, per un futuro migliore oltre il buio e il silenzio.

 

La Lega del Filo d’Oro ha accolto con grande entusiasmo la seconda edizione del progetto globale Yarn Bombing, promosso dalla rete Deafblind International, perché da sempre il “filo” ha per noi un significato molto importante: rappresenta infatti simbolicamente il “filo aureo della buona amicizia” scelto nel 1964 dalla nostra fondatrice, Sabina Santilli, per aprire al mondo la condizione delle persone con sordocecità e fare in modo che la società si accorgesse di loro -– dichiara Patrizia Ceccarani, Direttore Tecnico Scientifico della Fondazione Lega del Filo d’Oro Onlus –  Nel 2021 una meravigliosa esplosione di colore, bellezza e solidarietà ha abbracciato l’Italia con un progetto che ha potuto contare sulla partecipazione di tanti. Ma per l’edizione 2022 ci auguriamo di coinvolgere un numero maggiore di persone, con l’obiettivo di continuare ad aumentare la conoscenza della sordocecità e ricordare i diritti di chi non vede e non sente in tutto il mondo”.

 

Anche per l’edizione 2022, grazie ai laboratori per lo sviluppo delle attività occupazionali come quelli di filato, che hanno l’obiettivo di stimolare la creatività e le abilità residue delle persone con sordocecità e pluriminorazione psicosensoriale, nei Centri e nelle Sedi Territoriali della Fondazione gli utenti creeranno riquadri colorati e pon pon a cui si aggiungeranno i manufatti realizzati dai familiari, sostenitori, volontari, personale e amici della Lega del Filo d'Oro. Nella giornata clou del 27 giugno, nelle 10 regioni in cui è presente la Fondazione, i manufatti realizzati a maglia o all’uncinetto andranno a rivestire strade, parchi, oggetti e monumenti, in un grande patchwork intessuto di tutti i colori e i fili della solidarietà.

 

Per avere maggiori informazioni sulle modalità di partecipazione è possibile visitare il sito nella sezione dedicata https://www.legadelfilodoro.it/it/yarn-bombing-2022 oppure contattare l’Ufficio Comunicazione e Raccolta fondi della Fondazione all’indirizzo e-mail [email protected]

Scarica gli allegati

PDF Document