Torna indietro
Francesco, un bambino ospite della Lega del Filo d'Oro, gioca con un giocattolo. Un'operatrice lo abbraccia e ride insieme a lui.
Chi aiutiamo
Sosteniamo le persone sordocieche e con disabilità sensoriale e le loro famiglie.
Legadelfilodoro Nuovo Centro Nazionale Interni
Dove aiutiamo
Il nostro Centro Nazionale è a Osimo, ma ci sono altre nove sedi in Italia.
Alberto, un utente della Lega del Filo d'Oro, e un'operatrice ridono di gusto insieme.
Come aiutiamo
Assistiamo, educhiamo, riabilitiamo chi non vede e non sente valorizzandone al massimo le potenzialità.
Andrea e Eleonora, due centralinisti della Lega del Filo d'Oro, sono fotografati mentre lavorano. Eleonora ha la cornetta del telefono appoggiata all'orecchio ed è seduta alla scrivania. Andrea sta lavorando al computer. Entrambi guardano verso la fotocamera.
Parla con noi
Possiamo esserti d’aiuto? Compila il form e invialo!
Berk, piccolo utente del Centro di Osimo, guarda verso l'obiettivo con un sorriso, mentre dondola su un'altalena in una delle aule del Centro Nazionale
A chi va il tuo sostegno
Con il tuo aiuto migliorerai la vita di tante persone sordocieche e delle loro famiglie.
Edoardo, un bambino ospite della Lega del Filo d'Oro, sorride mentre gioca con una palla fucsia e viene preso in braccio da un'operatrice. Lo sfondo dell'immagine è arancione.
Come sostenerci
I modi per sostenerci sono tanti: ogni tua azione è preziosa e ci permette di fare la differenza.
Una vista aerea del Centro Nazionale della Lega del Filo d'Oro di Osimo, una nuova grande casa per le persone sordocieche
Progetti in cantiere
Abbiamo tanto da fare per dare un aiuto concreto a chi non vede e non sente.
Paola Idroterapia Operatrice Legadelfilodoro
Le nostre storie
Nessuno resta indietro, tutti hanno una storia di rinascita da raccontare.
Francesco lavora il midollino nel laboratorio di riabilitazione per costruire dei cestini
Essere sordociechi
Con gli strumenti giusti puoi diventare protagonista della tua vita.
Agostino, bambino di 8 anni con sindrome di Charge, è seduto tranquillo a un banco in attesa di svolgere una attività educativa
Le nostre storie

Agostino, rinato dopo la diagnosi precoce

Agostino ha la sindrome di Charge e ha trascorso in ospedale i primi mesi della sua vita. Ora va a scuola e lavora per avere sempre maggiore autonomia!

Guarda il video

Agostino ha 20 giorni quando viene operato al cuore. 20 giorni in cui si sono già palesati così tanti problemi da schiacciare quasi mamma Samuela e papà Stefano, che non immaginavano nulla di quello che li aspettava.

Quel bimbo tanto atteso, che il fratellino Tommaso non vedeva l’ora di conoscere, ha la sindrome di Charge che comporta disabilità a vista e udito. Che Agostino sia un combattente, lo dimostra fin da subito. Un ricovero dietro l’altro, un’operazione dietro l’altra, affinché il suo cuore continui a battere, per farlo respirare, per fare fronte agli infiniti problemi che la sindrome di Charge porta con sé.

A differenza di altre sindromi, questa non porta il nome del suo scopritore, ma è l’acronimo degli organi colpiti, dei sei problemi che provoca. Ogni lettera una montagna da scalare, per Agostino e per la sua famiglia, come il coloboma che non gli permette di vedere da un occhio e la malformazione all’orecchio, che non lo fa sentire bene.

1
Mamma Samuela

Il lavoro è ancora molto, ma se penso alle prospettive che avevamo quando siamo arrivati qui non posso che ringraziare di aver conosciuto la “Lega”!

Dopo sei mesi trascorsi in ospedale, Agostino torna finalmente a casa: finalmente l’abbraccio dei nonni.

Ma i suoi genitori sanno che questa non è la fine di nulla, è solo un nuovo inizio. E c’è un’altra casa che li attende per conoscere Agostino, quella della Lega del Filo d’Oro. La sede di Osimo è a pochi chilometri da casa. Qui accade l’inatteso. Agostino, già al primo incontro, viene visto come un bambino con grandi potenzialità.

Un bambino di pochi mesi che ha bisogno di giocare, di capire quanto possa essere piacevole un abbraccio, di percepire che intorno a sé esiste un mondo straordinario, nel quale lui può e deve essere protagonista.

Agostino, un bambino della Lega del Filo d'Oro, sfoglia un libro di favole durante le sue attività riabilitative
Dona ora

Con il tuo aiuto, possiamo fare ancora molto per Agostino e la sua famiglia.

Grazie a te potrà continuare il suo viaggio.

Attraverso donazioni ricorrenti, riusciamo a garantire servizi, assistenza e aiuti a un numero sempre maggiore di bambini sordociechi e pluriminorati e ai loro genitori nei nostri centri d'assistenza italiani.

Si chiama diagnosi precoce quella che la “Lega” effettua sui bambini così piccoli e la diagnosi ha iniziato a illuminare i Sì di Agostino.

Un residuo di vista, la possibilità di camminare, il desiderio di comunicare attraverso la LIS studiata anche dalla mamma per poter parlare con lui. Sono tanti i traguardi grandi e piccoli raggiunti negli anni, frutto di un lavoro intenso, di una strada tracciata tutta per lui dagli operatori e dai medici, possibile grazie alla generosità di molti.

Alla Lega del Filo d’Oro si nasce un’altra volta, come è successo ad Agostino e si cresce, come sta facendo lui, circondato dall’amore della famiglia, degli operatori e dal tuo amore!

Grazie a te potrà continuare il suo viaggio.