Torna indietro
Francesco, un bambino ospite della Lega del Filo d'Oro, gioca con un giocattolo. Un'operatrice lo abbraccia e ride insieme a lui.
Chi aiutiamo
Sosteniamo le persone sordocieche e con disabilità sensoriale e le loro famiglie.
Legadelfilodoro Nuovo Centro Nazionale Interni
Dove aiutiamo
Il nostro Centro Nazionale è a Osimo, ma ci sono altre nove sedi in Italia.
Alberto, un utente della Lega del Filo d'Oro, e un'operatrice ridono di gusto insieme.
Come aiutiamo
Assistiamo, educhiamo, riabilitiamo chi non vede e non sente valorizzandone al massimo le potenzialità.
Andrea e Eleonora, due centralinisti della Lega del Filo d'Oro, sono fotografati mentre lavorano. Eleonora ha la cornetta del telefono appoggiata all'orecchio ed è seduta alla scrivania. Andrea sta lavorando al computer. Entrambi guardano verso la fotocamera.
Parla con noi
Possiamo esserti d’aiuto? Compila il form e invialo!
Primo piano di Leonardo, bambino con sindrome di Charge, protagonista dello spot per la campagna della donazioni regolari
Donazioni Regolari
Scegli di adottare un Mondo di Sì per chi non vede e non sente. Con una donazione regolare puoi aiutare Leonardo e tanti bambini come lui.
Edoardo, un bambino ospite della Lega del Filo d'Oro, sorride mentre gioca con una palla fucsia e viene preso in braccio da un'operatrice. Lo sfondo dell'immagine è arancione.
Come sostenerci
I modi per sostenerci sono tanti: ogni tua azione è preziosa e ci permette di fare la differenza.
Una vista aerea del Centro Nazionale della Lega del Filo d'Oro di Osimo, una nuova grande casa per le persone sordocieche
Progetti in cantiere
Abbiamo tanto da fare per dare un aiuto concreto a chi non vede e non sente.
Paola Rupili, utente adulta del Centro di Osimo, sorride insieme alla fisioterapista che la affianca in una sessione di idroterapia in piscina
Le nostre storie
Nessuno resta indietro, tutti hanno una storia di rinascita da raccontare.
Francesco lavora il midollino nel laboratorio di riabilitazione per costruire dei cestini
Essere sordociechi
Con gli strumenti giusti puoi diventare protagonista della tua vita.
Giulia+Genovesi HD+(6)
Le nostre storie

In Giulia c’è un mondo di emozioni e ora può esprimerle!

Giulia è nata nel buio e nel silenzio. Oggi sta scoprendo il mondo con una "squadra di draghi" al suo fianco, e ha imparato a ridere!

Giulia ama ridere: lo fa spesso da quando è arrivata alla Lega. E di notte dorme, come qualsiasi bambino della sua età dovrebbe fare.

Lo racconta mamma Monica, che finalmente può narrare gli sprazzi di luce che sono arrivati ad alleggerire la vita di sua figlia.

Una vita che parte in salita già dalla gravidanza: i medici avevano già informato i genitori che la loro bimba sarebbe nata cieca. Quello che non sapevano era che fosse affetta anche da sordità; e la sordocecità, come ripeteva Sabina Santilli, fondatrice della Lega del Filo d’Oro, è una condizione unica e diversa che non può essere considerata una summa di queste due disabilità. La persona con sordocecità ha esigenze speciali, che necessitano di un’educazione e riabilitazione uniche e a sé.

A 18 mesi si cerca di ovviare all’assenza di udito con un impianto cocleare, ma non si ottiene il risultato sperato: Giulia continua ad essere sofferente e insofferente, spesso arrabbiata. Una rabbia che sale anche durante gli spostamenti in auto, per recarsi a fare le terapie che dovrebbero aiutarla a migliorare la sua situazione, ma ogni sforzo si rivela inutile e la bambina perde rapidamente i progressi raggiunti.

Poi, ogni attività riabilitativa viene interrotta durante l’epidemia di Covid-19 e l’isolamento di Giulia si fa ancora più buio e silenzioso.

A settembre del 2020 Giulia e la sua famiglia arrivano a Osimo: qui la prospettiva cambia. Il percorso è faticoso ma ricco di risultati e non si può sprecare nemmeno un minuto. La mamma di Giulia sa che la crescita di sua figlia è una corsa contro il tempo, una gara a ostacoli dove tutti devono fare la loro parte e farla al momento giusto. Giulia adesso mangia da sola, ha recuperato il controllo sfinterico, comunica con le persone.

Giulia+testimonianza
Mamma di Giulia

Giulia ha la fortuna di avere attorno a sé undici “draghi”:

alla “Lega” sono tutti incredibili.

Giulia parla, per la prima volta da quando le hanno messo l’impianto, a 8 anni, quando ormai nessuno si aspettava più che potesse farlo.

Ora può finalmente comunicare alla mamma e al papà le sue emozioni. E loro possono finalmente scoprire cosa si prova quando un figlio ti abbraccia e ti dice di volerti bene.

Cosa le riserva il futuro? Giulia tornerà a Roma, dopo gli anni trascorsi presso il Centro di Osimo, ma lei e la sua famiglia non si sentiranno più soli e isolati. Anche lì la Lega del Filo d’Oro continuerà a sostenerli e supportarli nel loro percorso, grazie alla Sede Territoriale attiva nella capitale.

Ma se tanta strada è già stata fatta, il viaggio di Giulia è appena cominciato: continuerete a restarle accanto?

Giulia, bambina sordocieca di 8 anni seguita al Centro di Osimo, è seduta sul pavimendo di un'aula educativa del Centro Nazionale e sorride
Dona ora

Con il tuo aiuto, possiamo fare ancora molto per Giulia e la sua famiglia.

Grazie a te potrà continuare il suo viaggio.

Attraverso donazioni ricorrenti, riusciamo a garantire servizi, assistenza e aiuti a un numero sempre maggiore di bambini sordociechi e pluriminorati e ai loro genitori nei nostri centri d'assistenza italiani.

Grazie a te potrà continuare il suo viaggio.