Torna indietro
Francesco, un bambino ospite della Lega del Filo d'Oro, gioca con un giocattolo. Un'operatrice lo abbraccia e ride insieme a lui.
Chi aiutiamo
Sosteniamo le persone sordocieche e con disabilità sensoriale e le loro famiglie.
Legadelfilodoro Nuovo Centro Nazionale Interni
Dove aiutiamo
Il nostro Centro Nazionale è a Osimo, ma ci sono altre nove sedi in Italia.
Alberto, un utente della Lega del Filo d'Oro, e un'operatrice ridono di gusto insieme.
Come aiutiamo
Assistiamo, educhiamo, riabilitiamo chi non vede e non sente valorizzandone al massimo le potenzialità.
Andrea e Eleonora, due centralinisti della Lega del Filo d'Oro, sono fotografati mentre lavorano. Eleonora ha la cornetta del telefono appoggiata all'orecchio ed è seduta alla scrivania. Andrea sta lavorando al computer. Entrambi guardano verso la fotocamera.
Parla con noi
Possiamo esserti d’aiuto? Compila il form e invialo!
Berk, piccolo utente del Centro di Osimo, guarda verso l'obiettivo con un sorriso, mentre dondola su un'altalena in una delle aule del Centro Nazionale
A chi va il tuo sostegno
Con il tuo aiuto migliorerai la vita di tante persone sordocieche e delle loro famiglie.
Edoardo, un bambino ospite della Lega del Filo d'Oro, sorride mentre gioca con una palla fucsia e viene preso in braccio da un'operatrice. Lo sfondo dell'immagine è arancione.
Come sostenerci
I modi per sostenerci sono tanti: ogni tua azione è preziosa e ci permette di fare la differenza.
Una vista aerea del Centro Nazionale della Lega del Filo d'Oro di Osimo, una nuova grande casa per le persone sordocieche
Progetti in cantiere
Abbiamo tanto da fare per dare un aiuto concreto a chi non vede e non sente.
Paola Idroterapia Operatrice Legadelfilodoro
Le nostre storie
Nessuno resta indietro, tutti hanno una storia di rinascita da raccontare.
Francesco lavora il midollino nel laboratorio di riabilitazione per costruire dei cestini
Essere sordociechi
Con gli strumenti giusti puoi diventare protagonista della tua vita.
LegadelFilodOro Storia Famiglie Nicol%c3%b2+(7)
Le nostre storie

Certe vite è come se affrontassero il mare controvento

Antonella sa che essere genitori di un bimbo con disabilità è una sfida infinita ed è fondamentale il supporto che la “Lega” dà alle famiglie

Certe vite è come se affrontassero il mare controvento. Ed è così che Antonella, mamma di Nicolò, pensa alla sua esistenza.

Un vento fortissimo si è abbattuto su lei e suo marito quando, dopo una gravidanza all’apparenza normale, Nicolò nasce senza occhi né nervo ottico. Senza poter udire, senza la possibilità di camminare. Disabilità sensoriali di cui nessuno riesce a spiegare il perché: i dottori le ripetono tutto quello che Nicolò non potrà mai fare da solo.

Praticamente nulla.

Mamma Antonella tiene in braccio Nicolò. Lo guarda con un sorriso di tenerezza.
Mamma Antonella

I medici dissero “Signora, che vuole fare, lo porti a casa”.

Alla "Lega" non ti dicono quello che tuo figlio non può fare, ma quello che può fare.

Ma non è nel carattere di Antonella arrendersi e quindi inizia a prendere informazioni su chi può aiutare suo figlio, che nel frattempo ha un anno e mezzo: e un medico le parla della Lega del Filo d’Oro, che si occupa di persone con sordocecità e pluriminorazioni sensoriali. Da Bornasco parte insieme al marito e al piccolo Nicolò: ma quello che accade ad Osimo la lascia senza parole. In tre giorni di lavoro alla “Lega” Nicolò si mette in piedi. Dopo il primo passo, Nicolò ne fa altri, tanti altri.  E ognuno di essi, nel ricordo della mamma, si contrappone a tutti i “no” ricevuti prima di giungere a Osimo.

I passi di Nicolò e dei bambini e adulti con disabilità sensoriale sono sorretti e si realizzano grazie a molteplici interventi, ad un’équipe multidisciplinare che ha fatto scoprire ad Antonella la stimolazione sensoriale, la logopedia, la musicoterapia. Anche il cibo diventa protagonista della crescita dell’autonomia di Nicolò che riesce a liberarsi della Peg.

Dona ora

Con il tuo aiuto, possiamo fare ancora molto per Nicolò

Grazie a te potrà continuare il suo viaggio.

Attraverso donazioni ricorrenti, riusciamo a garantire servizi, assistenza e aiuti a un numero sempre maggiore di bambini sordociechi e pluriminorati e ai loro genitori nei nostri centri d'assistenza italiani.

E ancora una volta nelle parole di questa mamma risuona l’eco del punto di forza della “Lega”: non si parte da cosa un bambino o un adulto non può fare. Il primo punto da mettere, la prima strada da tracciare è proprio cosa può fare, a cui fa seguito cosa potrà fare grazie alla Lega del Filo d’Oro.

Antonella sottolinea anche l’attenzione che qui si pone alle famiglie, non spettatrici ma protagoniste del lavoro da fare insieme ai propri cari. Non chiuse fuori dalle mura del percorso ma accolte. Non lasciate sole con le proprie angosce, ma ascoltate e capite.

È così, dice Antonella che si combatte la depressione, che si prende forza. Una forza che la “Lega” trae da te, che la sostieni ogni giorno, che sostieni le mamme come Antonella e i bimbi come Nicolò.

 

Grazie a te potrà continuare il suo viaggio.