Torna indietro
Francesco, un bambino ospite della Lega del Filo d'Oro, gioca con un giocattolo. Un'operatrice lo abbraccia e ride insieme a lui.
Chi aiutiamo
Sosteniamo le persone sordocieche e con disabilità sensoriale e le loro famiglie.
Legadelfilodoro Nuovo Centro Nazionale Interni
Dove aiutiamo
Il nostro Centro Nazionale è a Osimo, ma ci sono altre nove sedi in Italia.
Alberto, un utente della Lega del Filo d'Oro, e un'operatrice ridono di gusto insieme.
Come aiutiamo
Assistiamo, educhiamo, riabilitiamo chi non vede e non sente valorizzandone al massimo le potenzialità.
Andrea e Eleonora, due centralinisti della Lega del Filo d'Oro, sono fotografati mentre lavorano. Eleonora ha la cornetta del telefono appoggiata all'orecchio ed è seduta alla scrivania. Andrea sta lavorando al computer. Entrambi guardano verso la fotocamera.
Parla con noi
Possiamo esserti d’aiuto? Compila il form e invialo!
Primo piano di Leonardo, bambino con sindrome di Charge, protagonista dello spot per la campagna della donazioni regolari
Donazioni Regolari
Scegli di adottare un Mondo di Sì per chi non vede e non sente. Con una donazione regolare puoi aiutare Leonardo e tanti bambini come lui.
Edoardo, un bambino ospite della Lega del Filo d'Oro, sorride mentre gioca con una palla fucsia e viene preso in braccio da un'operatrice. Lo sfondo dell'immagine è arancione.
Come sostenerci
I modi per sostenerci sono tanti: ogni tua azione è preziosa e ci permette di fare la differenza.
Una vista aerea del Centro Nazionale della Lega del Filo d'Oro di Osimo, una nuova grande casa per le persone sordocieche
Progetti in cantiere
Abbiamo tanto da fare per dare un aiuto concreto a chi non vede e non sente.
Paola Rupili, utente adulta del Centro di Osimo, sorride insieme alla fisioterapista che la affianca in una sessione di idroterapia in piscina
Le nostre storie
Nessuno resta indietro, tutti hanno una storia di rinascita da raccontare.
Francesco lavora il midollino nel laboratorio di riabilitazione per costruire dei cestini
Essere sordociechi
Con gli strumenti giusti puoi diventare protagonista della tua vita.
20210901 231958
Le nostre storie

Una mamma e un'amica, nonostante la sordocecità

Per i suoi figli Matilde non è solo un esempio, ma anche un'amica

Sono Matilde, abito a Napoli sono sposata e ho tre figli.

Sono diventata ipovedente a 3 anni quando sono stata colpita da una miopia maligna e da qualche anno però sono diventata anche parzialmente sorda: mi sono adattata alla cecità ma perdere l’udito per me è stato molto difficile.

I miei figli sono stati da sempre i miei puntelli. Quando ero ipovedente non è stato semplice fare la mamma ma alla fine tutto è andato bene!

Quando però sono diventata completamente cieca ho avuto enormi disagi, non tanto per la gestione della vita familiare, quanto piuttosto per le incomprensioni scaturite con la società intorno a noi che spesso non capisce realmente quello che avviene nelle famiglie che hanno persone con disabilità.

Dona ora

Con il tuo aiuto, possiamo fare ancora molto per tante persone con sordocecità.

Grazie a te potranno andare oltre il buio e il silenzio.

Attraverso donazioni ricorrenti, riusciamo a garantire servizi, assistenza e aiuti a un numero sempre maggiore di persone con sordocecità e pluriminorazione psicosensoriale e alle loro famiglie.

Ad esempio, mia figlia in quel momento di grande cambiamento per me ha avuto un forte crollo psicologico e i suoi professori pensavano che lei usasse i miei problemi come alibi a scuola. Spesso, sempre nella scuola dei miei figli, non sono stata supportata nel mio diritto di partecipazione alle riunioni: paradossalmente una persona sordocieca viene vista diversamente rispetto, ad esempio, ad una persona con disabilità motoria. Nelle scuole andrebbero incrementati i supporti come la LIS e la LIS tattile per permettere alle mamme disabili di partecipare attivamente alla vita scolastica dei propri figli.

Oggi, comunque, mia figlia Paola è una studentessa universitaria, mi accompagna a fare shopping, mi aiuta con gli abiti, mi abbina i colori e mi sceglie le scarpe giuste. Marco invece è studente universitario, mi fa ridere anche quando non ne ho alcuna voglia e mi capisce sempre al volo. Gabriele, il più piccolo, sin da piccolissimo ha imparato a spostare i suoi giocattoli quando passavo per non farmi cadere.

Quando sono rimasta incinta di Gabriele ero infatti già completamente cieca, di lui non conosco neanche il volto ma nel momento del parto ho avuto la sensazione netta di vederlo. Questa gravidanza a 47 anni avrebbe dovuto essere gemellare; ma poche settimane prima del parto uno dei due bimbi è morto. Si è trattato di una gravidanza abbastanza faticosa; sia i medici che parenti mi consigliavano di arrendermi, perché la gravidanza avrebbe potuto causarmi una trombosi e persino la morte.

Ma sono andata avanti, anche grazie a Paola, ed oggi siamo una bellissima famiglia!

Grazie a te potranno andare oltre il buio e il silenzio.