Torna indietro
Francesco, un bambino ospite della Lega del Filo d'Oro, gioca con un giocattolo. Un'operatrice lo abbraccia e ride insieme a lui.
Chi aiutiamo
Sosteniamo le persone sordocieche e con disabilità sensoriale e le loro famiglie.
Legadelfilodoro Nuovo Centro Nazionale Interni
Dove aiutiamo
Il nostro Centro Nazionale è a Osimo, ma ci sono altre nove sedi in Italia.
Alberto, un utente della Lega del Filo d'Oro, e un'operatrice ridono di gusto insieme.
Come aiutiamo
Assistiamo, educhiamo, riabilitiamo chi non vede e non sente valorizzandone al massimo le potenzialità.
Andrea e Eleonora, due centralinisti della Lega del Filo d'Oro, sono fotografati mentre lavorano. Eleonora ha la cornetta del telefono appoggiata all'orecchio ed è seduta alla scrivania. Andrea sta lavorando al computer. Entrambi guardano verso la fotocamera.
Parla con noi
Possiamo esserti d’aiuto? Compila il form e invialo!
Primo piano di Leonardo, bambino con sindrome di Charge, protagonista dello spot per la campagna della donazioni regolari
Donazioni Regolari
Scegli di adottare un Mondo di Sì per chi non vede e non sente. Con una donazione regolare puoi aiutare Leonardo e tanti bambini come lui.
Edoardo, un bambino ospite della Lega del Filo d'Oro, sorride mentre gioca con una palla fucsia e viene preso in braccio da un'operatrice. Lo sfondo dell'immagine è arancione.
Come sostenerci
I modi per sostenerci sono tanti: ogni tua azione è preziosa e ci permette di fare la differenza.
Una vista aerea del Centro Nazionale della Lega del Filo d'Oro di Osimo, una nuova grande casa per le persone sordocieche
Progetti in cantiere
Abbiamo tanto da fare per dare un aiuto concreto a chi non vede e non sente.
Paola Rupili, utente adulta del Centro di Osimo, sorride insieme alla fisioterapista che la affianca in una sessione di idroterapia in piscina
Le nostre storie
Nessuno resta indietro, tutti hanno una storia di rinascita da raccontare.
Francesco lavora il midollino nel laboratorio di riabilitazione per costruire dei cestini
Essere sordociechi
Con gli strumenti giusti puoi diventare protagonista della tua vita.
LegadelFilodOro Storia Professionisti Ceccarani
Le nostre storie

Patrizia Ceccarani dirige l’area Tecnico-Scientifica

In lei c’è sempre un cuore da volontaria che continua a battere per la Lega del Filo d’Oro!

Nella dottoressa Ceccarani c’è un riflesso forte della volontaria che è stata: perché accanto alla preparazione da pedagoga e psicoterapeuta c’è un affetto profondissimo, una vocazione evidente di chi ha fatto della Lega del Filo d’Oro e del sostegno agli utenti sordociechi e pluriminorati psicosensoriali tutto il suo mondo.

Il percorso che unisce la dottoressa alla “Lega” inizia quando era solo una ragazzina alle superiori, negli anni ’70, e frequentava il Centro di San Biagio di Osimo. L’Istituto Medico Pedagogico “Nostra Casa” della Lega del Filo d’Oro era stato aperto il 29 ottobre 1967 per stare accanto a quei bambini aiutati dall’Associazione fondata da Sabina Santilli. Bambini che contro ogni previsione andavano al mare, frequentavano la scuola, riuscivano a comunicare oltre quelle barriere di sordocecità in cui sembravano dover restare prigionieri per sempre.

ceccarani
Dottoressa Ceccarani

Ho scelto di lavorare con i bambini con minorazioni sensoriali e cognitive dopo aver conosciuto la “Lega” da volontaria nel ’69. Quell’anno ho capito qual era la mia strada.

La giovane Patrizia capisce che quella è la sua strada, che c’era una scommessa da fare e da vincere e lei ce l’avrebbe messa tutta, a partire dalla Laurea in Pedagogia, presa proprio per lavorare con loro, discutendo una tesi che aveva come protagonista la Lega del Filo d’Oro. Un percorso che si è snodato nella “Lega” fino a diventarne il Direttore Tecnico Scientifico e che in collaborazione con tanti altri validissimi professionisti, ha permesso alla Fondazione di diventare partner di Istituzioni di livello mondiale, nel campo della riabilitazione e nel trattamento della sordocecità e di sindromi rare come quella di Usher o di Charge.

E tutto questo accade perché persone come Patrizia Ceccarani hanno rifiutato di considerare senza speranza di miglioramento chi invece poteva ancora dire la sua sulla propria vita. Un approccio non solo scientifico, ma profondamente etico, dove autonomia fa sempre il paio con autodeterminazione, dove la frase di Sabina Santilli “Niente su di noi senza di noi” porta ogni giorno a studiare nuovi modi e nuovi escamotage affinché anche chi sembra per sempre tagliato fuori, diventi protagonista della propria vita.

Dona ora

Con il tuo aiuto, possiamo fare ancora molto

Grazie per quello che potrai fare.

Attraverso donazioni ricorrenti, riusciamo a garantire servizi, assistenza e aiuti a un numero sempre maggiore di bambini sordociechi e pluriminorati e ai loro genitori nei nostri centri d'assistenza italiani.

Oggi la Lega del Filo d’Oro rappresenta per tante famiglie una piccola luce alla fine di un lunghissimo tunnel fatto di NO: una luce che richiede l’impegno costante dell’equipe multidisciplinare che lavora con gli utenti, delle famiglie che devono imparare da zero come partecipare al massimo alle attività e di tutti quelli che sostengono la Lega, perché questi interventi così efficaci e personalizzati sono anche molto onerosi.

Ma anche nei periodi di crisi, come quelli che si stanno vivendo adesso, se in ogni utente si continuerà a vedere prima la persona e poi il paziente, i risultati continueranno ad esserci. Se le persone continueranno a innamorarsi della “Lega”, come la dottoressa Ceccarani e altri insieme a lei hanno fatto anni fa, ci sarà ancora per tanti ragazzi una piccola luce in fondo al buio.

Grazie per quello che potrai fare.