Torna indietro
Francesco, un bambino ospite della Lega del Filo d'Oro, gioca con un giocattolo. Un'operatrice lo abbraccia e ride insieme a lui.
Chi aiutiamo
Sosteniamo le persone sordocieche e con disabilità sensoriale e le loro famiglie.
Legadelfilodoro Nuovo Centro Nazionale Interni
Dove aiutiamo
Il nostro Centro Nazionale è a Osimo, ma ci sono altre nove sedi in Italia.
Alberto, un utente della Lega del Filo d'Oro, e un'operatrice ridono di gusto insieme.
Come aiutiamo
Assistiamo, educhiamo, riabilitiamo chi non vede e non sente valorizzandone al massimo le potenzialità.
Andrea e Eleonora, due centralinisti della Lega del Filo d'Oro, sono fotografati mentre lavorano. Eleonora ha la cornetta del telefono appoggiata all'orecchio ed è seduta alla scrivania. Andrea sta lavorando al computer. Entrambi guardano verso la fotocamera.
Parla con noi
Possiamo esserti d’aiuto? Compila il form e invialo!
Berk, piccolo utente del Centro di Osimo, guarda verso l'obiettivo con un sorriso, mentre dondola su un'altalena in una delle aule del Centro Nazionale
A chi va il tuo sostegno
Con il tuo aiuto migliorerai la vita di tante persone sordocieche e delle loro famiglie.
Edoardo, un bambino ospite della Lega del Filo d'Oro, sorride mentre gioca con una palla fucsia e viene preso in braccio da un'operatrice. Lo sfondo dell'immagine è arancione.
Come sostenerci
I modi per sostenerci sono tanti: ogni tua azione è preziosa e ci permette di fare la differenza.
Una vista aerea del Centro Nazionale della Lega del Filo d'Oro di Osimo, una nuova grande casa per le persone sordocieche
Progetti in cantiere
Abbiamo tanto da fare per dare un aiuto concreto a chi non vede e non sente.
Paola Idroterapia Operatrice Legadelfilodoro
Le nostre storie
Nessuno resta indietro, tutti hanno una storia di rinascita da raccontare.
Francesco lavora il midollino nel laboratorio di riabilitazione per costruire dei cestini
Essere sordociechi
Con gli strumenti giusti puoi diventare protagonista della tua vita.
LegadelFilodOro Storia Adulto thomas+(1)
Le nostre storie

Thomas, alla ricerca della felicità oltre la Sindrome di Charge

Thomas ha dovuto attendere cinque anni prima di avere una diagnosi: sindrome di Charge. Oggi ha una vita serena con la sua famiglia e lavora!

 “Cerchiamo di essere felici”: è questa la frase che mamma Catia ha detto al suo Thomas quando lo ha visto appena nato. Una frase impensabile davanti alle condizioni di quel figlio che anni dopo si scoprirà avere la sindrome di Charge: eppure era una frase che proiettava una speranza, poi realizzata.

Perché adesso Thomas, nonostante le difficoltà date dai problemi di vista, di udito e dal ritardo nello sviluppo cognitivo, lavora per avere una vita autonoma, per essere sempre più indipendente e protagonista delle sue giornate.

Le passeggiate sulla “hug bike” (la bici degli abbracci, pensata per i ragazzi autistici) che permette al papà di coinvolgerlo nella sua passione per le due ruote, il nuoto, i viaggi fatti insieme alla famiglia, il centro di formazione professionale, sono tante tappe di un percorso difficile da immaginare quando lui era piccolino.

Foto senza sfondo. Thomas viene preso dal braccio da una donna, mentre regge un bicchiere azzurro con dentro un pennello.
Mamma di Thomas

Quando è nato gli ho detto: c’è da lavorare ragazzo, ma cerchiamo di essere felici...
Credo che, anche grazie alla “Lega”, ci siamo riusciti!

I sei organi colpiti dalla sindrome di Charge ancora poco conosciuta, possono manifestare problemi diversi da una persona all’altra, portando la disabilità determinata da questa patologia ad essere molto differente per ciascuna persona: inoltre quando Thomas è nato non esistevano ancora test specifici in grado di identificarla.

Eppure alla “Lega” prendono gli infiniti “no” con cui arrivano i bambini e i ragazzi come Thomas, li dipanano e li trasformano nel filo d’oro dei “sì”.  E non è magia: è scienza. È amore per il proprio lavoro. È desiderio di trasformare la vita dei ragazzi e delle loro famiglie. Thomas è stato al Centro di Osimo per cinque volte, per poi essere seguito dalla Sede Territoriale di Padova. La mamma ricorda come accanto alla professionalità avesse trovato una straordinaria umanità, capace di scaldare il cuore di persone già così provate.

Si scopre allora che Thomas sente e vede soltanto a destra. Grazie alla diagnosi precoce e al lavoro che ne segue inizia a camminare, a parlare, a scrivere e leggere.

LegadelFilodOro Storia Adulto thomas
Dona ora

Con il tuo aiuto, possiamo fare ancora molto per Thomas e la sua famiglia.

Grazie a te potrà continuare il suo viaggio.

Attraverso donazioni ricorrenti, riusciamo a garantire servizi, assistenza e aiuti a un numero sempre maggiore di bambini sordociechi e pluriminorati e ai loro genitori nei nostri centri d'assistenza italiani.

Era un seme nascosto prima di arrivare qui: adesso è cresciuto e fiorito, nonostante tutto.

C’è ancora tanto da fare, per dargli fiducia e sostenere la sua autonomia. E c’è un pensiero segreto che accompagna i genitori di figli grandi che vivono la situazione di Thomas e altre ancora più complesse. Il pensiero di cosa accadrà a questo figlio amatissimo quando loro non potranno più prendersene cura.

E sei tu, ancora una volta, a poter fare la differenza: perché rendere Thomas autonomo non significa lasciarlo solo.

Significa camminare accanto a lui, fino quando a quando ce ne sarà bisogno.

Grazie a te potrà continuare il suo viaggio.