Torna indietro
Francesco, un bambino ospite della Lega del Filo d'Oro, gioca con un giocattolo. Un'operatrice lo abbraccia e ride insieme a lui.
Chi aiutiamo
Sosteniamo le persone sordocieche e con disabilità sensoriale e le loro famiglie.
Legadelfilodoro Nuovo Centro Nazionale Interni
Dove aiutiamo
Il nostro Centro Nazionale è a Osimo, ma ci sono altre nove sedi in Italia.
Alberto, un utente della Lega del Filo d'Oro, e un'operatrice ridono di gusto insieme.
Come aiutiamo
Assistiamo, educhiamo, riabilitiamo chi non vede e non sente valorizzandone al massimo le potenzialità.
Andrea e Eleonora, due centralinisti della Lega del Filo d'Oro, sono fotografati mentre lavorano. Eleonora ha la cornetta del telefono appoggiata all'orecchio ed è seduta alla scrivania. Andrea sta lavorando al computer. Entrambi guardano verso la fotocamera.
Parla con noi
Possiamo esserti d’aiuto? Compila il form e invialo!
Berk, piccolo utente del Centro di Osimo, guarda verso l'obiettivo con un sorriso, mentre dondola su un'altalena in una delle aule del Centro Nazionale
A chi va il tuo sostegno
Con il tuo aiuto migliorerai la vita di tante persone sordocieche e delle loro famiglie.
Edoardo, un bambino ospite della Lega del Filo d'Oro, sorride mentre gioca con una palla fucsia e viene preso in braccio da un'operatrice. Lo sfondo dell'immagine è arancione.
Come sostenerci
I modi per sostenerci sono tanti: ogni tua azione è preziosa e ci permette di fare la differenza.
Una vista aerea del Centro Nazionale della Lega del Filo d'Oro di Osimo, una nuova grande casa per le persone sordocieche
Progetti in cantiere
Abbiamo tanto da fare per dare un aiuto concreto a chi non vede e non sente.
Paola Idroterapia Operatrice Legadelfilodoro
Le nostre storie
Nessuno resta indietro, tutti hanno una storia di rinascita da raccontare.
Francesco lavora il midollino nel laboratorio di riabilitazione per costruire dei cestini
Essere sordociechi
Con gli strumenti giusti puoi diventare protagonista della tua vita.
stk hand
Le nostre storie

Negli anni settanta mio marito Pasquale scoprì l’esistenza della Lega del filo d’Oro

Ne divenne ammiratore e sostenitore.

Un paesino di montagna negli anni ’50 era una realtà a sé stante: pochi contatti, scarsi collegamenti, miseria, emigrazione, vedove bianche, bambini denutriti e d’inverno esposti al freddo intenso per mancanza di un abbigliamento adeguato. Tuttavia la scuola, la strada e la parrocchia cementavano relazioni di affetto e di solidarietà profonde ed indelebili.

La scuola elementare aveva la sede in un cadente palazzo, freddo e agli occhi dei ragazzi, minaccioso. Tra gli allievi si distingueva Antonio per intelligenza e volontà: apprendeva con facilità e catturava la simpatia di tutti per il garbo e la gentilezza. La malattia di Antonio fu progressiva: dapprima i colori ed i contorni delle figure, poi il volto del maestro e dei compagni, poi il buio.

Persone di buon cuore sopperirono alle misere condizioni della famiglia di Antonio e accompagnarono il ragazzo all’ospedale più vicino dove lo affidarono alle cure di un oculista. La diagnosi fu immediata ed il glaucoma rese il ragazzo del tutto cieco in brevissimo tempo. Antonio continuò a trovare nel suo amico del cuore, Pasquale, tutto l’affetto di cui aveva bisogno anche quando si allontanò dal paese ospite di un istituto per ciechi.

Pasquale gli è stato amico per tutto il tempo che è vissuto: hanno giocato a tresette con un mazzo di carte “segnato”, hanno passeggiato per sentieri e viottoli assaporando la dolcezza dell’amicizia che non distingue tra il vedente ed il cieco, hanno gioito e pianto insieme e sempre gli occhi spenti hanno visto attraverso le parole amiche.

Negli anni settanta Pasquale è diventato mio marito e negli stessi anni lui scoprì l’esistenza della Lega del filo d’Oro. Ne divenne ammiratore e sostenitore. Dopo la sua prematura ed inaspettata morte, ho coltivato e coltivo come eredità preziosa l’amicizia con Antonio ed il semplice gesto di solidarietà verso la Lega del filo d’Oro che egli amò.

 

Signora Vincenzina F.

Un solo sorriso di un bambino sordocieco illuminerà la lunga notte di Pasquale.

Aiutare un bambino disabile oggi per rendere felice un adulto domani è la cosa più bella che si possa fare e quindi non posso che aggiungere che invio un pensiero grato ed un abbraccio a tutti coloro i quali hanno contribuito alla nascita di questa grande struttura, alle Associazioni come la Lega del Filo d’Oro ed a tutti gli amici del mondo che sostengono i bambini in difficoltà.

Solo con un gesto di generosità, di altruismo e di tanto tanto amore si può garantire a questi nostri bambini ciò di cui hanno bisogno per vivere adeguatamente.

Dona ora

Con il tuo aiuto, possiamo fare ancora molto

Grazie per quello che potrai fare.

Attraverso donazioni ricorrenti, riusciamo a garantire servizi, assistenza e aiuti a un numero sempre maggiore di bambini sordociechi e pluriminorati e ai loro genitori nei nostri centri d'assistenza italiani.

Grazie per quello che potrai fare.