Torna indietro
Francesco, un bambino ospite della Lega del Filo d'Oro, gioca con un giocattolo. Un'operatrice lo abbraccia e ride insieme a lui.
Chi aiutiamo
Sosteniamo le persone sordocieche e con disabilità sensoriale e le loro famiglie.
Legadelfilodoro Nuovo Centro Nazionale Interni
Dove aiutiamo
Il nostro Centro Nazionale è a Osimo, ma ci sono altre nove sedi in Italia.
Alberto, un utente della Lega del Filo d'Oro, e un'operatrice ridono di gusto insieme.
Come aiutiamo
Assistiamo, educhiamo, riabilitiamo chi non vede e non sente valorizzandone al massimo le potenzialità.
Andrea e Eleonora, due centralinisti della Lega del Filo d'Oro, sono fotografati mentre lavorano. Eleonora ha la cornetta del telefono appoggiata all'orecchio ed è seduta alla scrivania. Andrea sta lavorando al computer. Entrambi guardano verso la fotocamera.
Parla con noi
Possiamo esserti d’aiuto? Compila il form e invialo!
Primo piano di Leonardo, bambino con sindrome di Charge, protagonista dello spot per la campagna della donazioni regolari
Donazioni Regolari
Scegli di adottare un Mondo di Sì per chi non vede e non sente. Con una donazione regolare puoi aiutare Leonardo e tanti bambini come lui.
Edoardo, un bambino ospite della Lega del Filo d'Oro, sorride mentre gioca con una palla fucsia e viene preso in braccio da un'operatrice. Lo sfondo dell'immagine è arancione.
Come sostenerci
I modi per sostenerci sono tanti: ogni tua azione è preziosa e ci permette di fare la differenza.
Una vista aerea del Centro Nazionale della Lega del Filo d'Oro di Osimo, una nuova grande casa per le persone sordocieche
Progetti in cantiere
Abbiamo tanto da fare per dare un aiuto concreto a chi non vede e non sente.
Paola Rupili, utente adulta del Centro di Osimo, sorride insieme alla fisioterapista che la affianca in una sessione di idroterapia in piscina
Le nostre storie
Nessuno resta indietro, tutti hanno una storia di rinascita da raccontare.
Francesco lavora il midollino nel laboratorio di riabilitazione per costruire dei cestini
Essere sordociechi
Con gli strumenti giusti puoi diventare protagonista della tua vita.
19
febbraio
2020

Mani in pasta tra semi e spighe: alla scoperta dei nostri grani con il progetto “Quanti cereali”

Alberto, un nostro utente è incuriosito dal macinino per macinare i cereali che viene azionato da una volontaria. Progetto "quanti cereali"

Giunto a termine il progetto “Quanti Cereali”. Pensato per essere diluito in 4 appuntamenti – 4, 11, 18 e 25 febbraio 2020 – e ideato per potenziare le capacità sensoriali, il riconoscimento di stimoli tattili e olfattivi grazie al contatto coi vari tipi di cereali, che non sono abitualmente a disposizione delle persone sordocieche nel nostro Centro.

Il progetto coinvolge gli ospiti che frequentano il settore scolare e il Centro Diurno del nuovo Centro Nazionale di Osimo. Grazie a questa opportunità, creatasi in collaborazione con l’Azienda Agricola Lupini di Ostra, i ragazzi hanno avuto modo di conoscere i principali cereali coltivati nel territorio marchigiano - quali grano, orzo e mais – e di manipolare le spighe e i semi, per poi approfondire ulteriormente l’argomento.

Hanno infatti riprecorso, attraverso le loro abilità, i passi da compiere per completare l’iter produttivo, in particolare tutto il processo che prevede la sgranatura della spiga, la macinazione dei semi, e la farina al setaccio. Completate queste fasi, si ha tutto ciò che serve per impastare la pasta con acqua e farina. Ed è proprio l’attività più divertente su cui si sono cimentati i ragazzi che, grazie all’ausilio del mattarello, hanno potuto amalgamare la pasta, secondo la più genuina tradizione italiana “home made”.  

Oltre ai nostri ospiti hanno partecipato operatori, volontari e personale dell’Azienda Agricola Lupini di Ostra che, insieme, hanno contribuito a rendere l’esperienza formativa e soprattutto piacevole.

Da due elementi base come acqua e farina si può creare la pasta. Dall’insieme di due realtà diverse – come la Lega del Filo d’Oro e l’Azienda Agricola Lupini di Ostra – possono nascere collaborazioni che rendono speciali le giornate delle persone sordocieche e di tutti coloro che hanno preso parte al progetto.