Torna indietro
Francesco, un bambino ospite della Lega del Filo d'Oro, gioca con un giocattolo. Un'operatrice lo abbraccia e ride insieme a lui.
Chi aiutiamo
Sosteniamo le persone sordocieche e con disabilità sensoriale e le loro famiglie.
Legadelfilodoro Nuovo Centro Nazionale Interni
Dove aiutiamo
Il nostro Centro Nazionale è a Osimo, ma ci sono altre nove sedi in Italia.
Alberto, un utente della Lega del Filo d'Oro, e un'operatrice ridono di gusto insieme.
Come aiutiamo
Assistiamo, educhiamo, riabilitiamo chi non vede e non sente valorizzandone al massimo le potenzialità.
Andrea e Eleonora, due centralinisti della Lega del Filo d'Oro, sono fotografati mentre lavorano. Eleonora ha la cornetta del telefono appoggiata all'orecchio ed è seduta alla scrivania. Andrea sta lavorando al computer. Entrambi guardano verso la fotocamera.
Parla con noi
Possiamo esserti d’aiuto? Compila il form e invialo!
Primo piano di Leonardo, bambino con sindrome di Charge, protagonista dello spot per la campagna della donazioni regolari
Donazioni Regolari
Scegli di adottare un Mondo di Sì per chi non vede e non sente. Con una donazione regolare puoi aiutare Leonardo e tanti bambini come lui.
Edoardo, un bambino ospite della Lega del Filo d'Oro, sorride mentre gioca con una palla fucsia e viene preso in braccio da un'operatrice. Lo sfondo dell'immagine è arancione.
Come sostenerci
I modi per sostenerci sono tanti: ogni tua azione è preziosa e ci permette di fare la differenza.
Una vista aerea del Centro Nazionale della Lega del Filo d'Oro di Osimo, una nuova grande casa per le persone sordocieche
Progetti in cantiere
Abbiamo tanto da fare per dare un aiuto concreto a chi non vede e non sente.
Paola Rupili, utente adulta del Centro di Osimo, sorride insieme alla fisioterapista che la affianca in una sessione di idroterapia in piscina
Le nostre storie
Nessuno resta indietro, tutti hanno una storia di rinascita da raccontare.
Francesco lavora il midollino nel laboratorio di riabilitazione per costruire dei cestini
Essere sordociechi
Con gli strumenti giusti puoi diventare protagonista della tua vita.
25
settembre
2022

“Nostra Casa” una scuola su misura per i bambini sordociechi

LFO d2 7R2A7351 022

Catia Sartini, Coordinatrice Didattica della Scuola Primaria Paritaria “Nostra Casa” , ci spiega l’importanza per i bambini sordociechi ospiti al Centro Nazionale di frequentare la scuola. Una scuola speciale, dove il programma didattico è cucito sulle caratteristiche del bambino, sulle sue capacità e sui suoi bisogni.

Sappiamo bene quanto sia importante, per i bambini, la possibilità di ricevere un’istruzione anche se in situazioni complesse – ci spiega Catia Sartini, Coordinatrice Didattica della Scuola Primaria Paritaria “Nostra Casa”.

I bambini in età scolare, che risiedono per un trattamento di lunga durata al Centro Nazionale, hanno la possibilità di frequentare la scuola paritaria e proseguire il loro percorso scolastico. Il programma didattico, parte integrante del percorso riabilitativo, è “cucito” su misura in quanto viene strutturato sulle caratteristiche del bambino, sulle sue capacità e sui suoi bisogni.

Quando è possibile – continua la Coordinatrice Didattica – si cerca anche di mantenere vivo il contatto con i compagni della scuola di origine per non creare un distacco marcato e rendere più semplice poi il ritorno in classe.

Sì perché, finita la permanenza al Centro Nazionale, l’obiettivo resta quello di tornare nei banchi di scuola, in mezzo ai propri compagni e alle proprie insegnanti.

Fondamentale a questo riguardo è la condivisione del piano d’intervento sul bambino, cioè degli obiettivi raggiunti, quelli da raggiungere e delle metodologie utilizzate durante il trattamento del piccolo ospite alla Lega del Filo d’Oro. Lo scambio delle informazioni, dell’esperienza acquisita, anche attraverso materiale di supporto e video esplicativi, è costante. In questo, l’evoluzione della tecnologia è davvero una risorsa preziosa. Ci consente di condividere più facilmente il lavoro con la scuola d’origine e la famiglia, coinvolgendo, qualora possibile, anche il servizio territoriale della Fondazione, che diventa l’interfaccia diretta, sul territorio sia per la scuola che per la famiglia.

Un gioco di squadra insomma, dove ognuno con le sue competenze e conoscenze concorre alla realizzazione del progetto di vita personalizzato, pensato per ogni bambino che arriva alla Lega, con l’obiettivo di una vita piena e serena.