Torna indietro
Francesco, un bambino ospite della Lega del Filo d'Oro, gioca con un giocattolo. Un'operatrice lo abbraccia e ride insieme a lui.
Chi aiutiamo
Sosteniamo le persone sordocieche e con disabilità sensoriale e le loro famiglie.
Legadelfilodoro Nuovo Centro Nazionale Interni
Dove aiutiamo
Il nostro Centro Nazionale è a Osimo, ma ci sono altre nove sedi in Italia.
Alberto, un utente della Lega del Filo d'Oro, e un'operatrice ridono di gusto insieme.
Come aiutiamo
Assistiamo, educhiamo, riabilitiamo chi non vede e non sente valorizzandone al massimo le potenzialità.
Andrea e Eleonora, due centralinisti della Lega del Filo d'Oro, sono fotografati mentre lavorano. Eleonora ha la cornetta del telefono appoggiata all'orecchio ed è seduta alla scrivania. Andrea sta lavorando al computer. Entrambi guardano verso la fotocamera.
Parla con noi
Possiamo esserti d’aiuto? Compila il form e invialo!
Primo piano di Leonardo, bambino con sindrome di Charge, protagonista dello spot per la campagna della donazioni regolari
Donazioni Regolari
Scegli di adottare un Mondo di Sì per chi non vede e non sente. Con una donazione regolare puoi aiutare Leonardo e tanti bambini come lui.
Edoardo, un bambino ospite della Lega del Filo d'Oro, sorride mentre gioca con una palla fucsia e viene preso in braccio da un'operatrice. Lo sfondo dell'immagine è arancione.
Come sostenerci
I modi per sostenerci sono tanti: ogni tua azione è preziosa e ci permette di fare la differenza.
Una vista aerea del Centro Nazionale della Lega del Filo d'Oro di Osimo, una nuova grande casa per le persone sordocieche
Progetti in cantiere
Abbiamo tanto da fare per dare un aiuto concreto a chi non vede e non sente.
Paola Rupili, utente adulta del Centro di Osimo, sorride insieme alla fisioterapista che la affianca in una sessione di idroterapia in piscina
Le nostre storie
Nessuno resta indietro, tutti hanno una storia di rinascita da raccontare.
Francesco lavora il midollino nel laboratorio di riabilitazione per costruire dei cestini
Essere sordociechi
Con gli strumenti giusti puoi diventare protagonista della tua vita.
Gabriele, un bambino seguito dalla Lega del Filo d'Oro fa attività di fisioterapia con la sua fisioterapista, che lo sorregge in equilibrio sdraiato su una grande palla arancione. Entrambi ridono divertiti.

Aree di intervento

Area delle abilità motorie

Funzionali per lo sviluppo di abilità di autonomia personale, di vita quotidiana e lavorativa

L’acquisizione delle abilità grosso-motorie (controllo e coordinazione delle varie parti del corpo, sviluppo della locomozione, ecc.), delle abilità fini-motorie e di coordinazione manuale, ai fini dello svolgimento di attività cognitive, della consapevolezza nell’utilizzo della manualità per raggiungere, afferrare, toccare.

In un’ottica interdisciplinare, l’integrazione e la collaborazione con la fisioterapista, è rivolta in modo particolare allo sviluppo, al miglioramento, al mantenimento, ma anche al rallentamento delle modificazioni fisiche dell’ospite, al fine di prevenire il peggioramento della condizione motoria e scheletrica, favorendo così una migliore performance e il benessere nelle attività quotidiane.

 

Molta attenzione viene posta agli esercizi per l’equilibrio, oltre allo sviluppo della coscienza e del controllo del proprio corpo e delle sue proprietà necessarie per la crescita e l’esplorazione progressiva dell’ambiente circostante.

La fisioterapia e la fisioterapia in acqua aiutano così a migliorare l’assetto posturale statico e dinamico. Nello specifico l’idroterapia è una terapia che permette di regalare grande gioia a piccoli e adulti: l’assenza di peso e le minori barriere favoriscono il raggiungimento di grandi traguardi. Il processo di apprendimento dei movimenti risulta più semplice e sfruttando il ricordo di sensazioni positive, ciò che viene appreso in piscina può essere trasferito nelle attività quotidiane, ottenendo sorprendenti risultati.

Federico, piccolo utente del centro di Osimo, durante una seduta di fisioterapia. Il ragazzino cammina tenendosi al corrimano lungo un percorso con salite e discese, mentre la fisioterapista lo assiste sorreggendolo.