Torna indietro
Matteo, piccolo utente del Centro Diagnostico, ride in braccio alla sua educatrice che batte le mani e gioca con lui. L'educatrice indossa camice monouso e mascherina chirurgica
Chi aiutiamo
Sosteniamo le persone sordocieche e con disabilità sensoriale e le loro famiglie.
Legadelfilodoro Nuovo Centro Nazionale Interni
Dove aiutiamo
Il nostro Centro Nazionale è a Osimo, ma ci sono altre nove sedi in Italia.
Alberto, un utente della Lega del Filo d'Oro, e un'operatrice ridono di gusto insieme.
Come aiutiamo
Assistiamo, educhiamo, riabilitiamo chi non vede e non sente valorizzandone al massimo le potenzialità.
Andrea e Eleonora, due centralinisti della Lega del Filo d'Oro, sono fotografati mentre lavorano. Eleonora ha la cornetta del telefono appoggiata all'orecchio ed è seduta alla scrivania. Andrea sta lavorando al computer. Entrambi guardano verso la fotocamera.
Parla con noi
Possiamo esserti d’aiuto? Compila il form e invialo!
Edoardo+con+educatrice+specchiata
Donazioni Regolari
Scegli di adottare un Mondo di Sì per chi non vede e non sente. Con una donazione regolare puoi aiutare Edoardo e tanti bambini come lui.
Primo piano di Leonardo, bambino con sindrome di Charge, protagonista dello spot per la campagna della donazioni regolari
Come sostenerci
I modi per sostenerci sono tanti: ogni tua azione è preziosa e ci permette di fare la differenza.
Una vista aerea del Centro Nazionale della Lega del Filo d'Oro di Osimo, una nuova grande casa per le persone sordocieche
Progetti in cantiere
Abbiamo tanto da fare per dare un aiuto concreto a chi non vede e non sente.
Paola Rupili, utente adulta del Centro di Osimo, sorride insieme alla fisioterapista che la affianca in una sessione di idroterapia in piscina
Le nostre storie
Nessuno resta indietro, tutti hanno una storia di rinascita da raccontare.
Francesco lavora il midollino nel laboratorio di riabilitazione per costruire dei cestini
Essere sordociechi
Con gli strumenti giusti puoi diventare protagonista della tua vita.
14
dicembre
2023

Premiati i vincitori della quarta edizione del premio “Angelo Ferro”

FOTO+PREMIO+rit

La Fondazione Lucia Guderzo ETS, in collaborazione con la Fondazione Lega del Filo d’Oro ETS, ricordano e fanno propri gli insegnamenti del Prof. Angelo Ferro, che vedeva nelle disabilità e nella longevità elementi di forza capaci di trasformarsi in leve per l’economia e l’intera società.

Sono stati consegnati ieri - mercoledì 13 dicembre, presso Palazzo Labia di Cannaregio a Venezia - quattro sculture d’argento dell’artista veneziano Luciano Brollo, raffiguranti un angelo sul mondo con un ciclamino in mano, alle quattro personalità che hanno saputo volare alto nella vita per passione, rigore e che sono state considerate quindi esempi per i giovani.

La commissione selezionatrice, composta dai consiglieri della Fondazione Lucia Guderzo e dalla Fondazione Lega del Filo d’Oro, dopo aver esaminato numerosi curricola e storie segnalate, ha attribuito il premio “Angelo Ferro”, giunto quest’anno alla sua quarta edizione, a due donne e a due uomini.

Il premio per la professione medica è stato consegnato alla dottoressa oculista Enrica Zinzini di Brescia; il premio per lo sport a Matilde Lauria, campionessa paralimpica sordocieca di Napoli; il premio per la capacità di resilienza e la determinazione nel lavoro allo chef non vedente Antonio Ciotola di Belvedere Ostrense (Ancona); infine il premio per i traguardi raggiunti nella professione sanitaria al dottor Arrigo Marzola di Foligno (Perugia).