Torna indietro
Francesco, un bambino ospite della Lega del Filo d'Oro, gioca con un giocattolo. Un'operatrice lo abbraccia e ride insieme a lui.
Chi aiutiamo
Sosteniamo le persone sordocieche e con disabilità sensoriale e le loro famiglie.
Legadelfilodoro Nuovo Centro Nazionale Interni
Dove aiutiamo
Il nostro Centro Nazionale è a Osimo, ma ci sono altre nove sedi in Italia.
Alberto, un utente della Lega del Filo d'Oro, e un'operatrice ridono di gusto insieme.
Come aiutiamo
Assistiamo, educhiamo, riabilitiamo chi non vede e non sente valorizzandone al massimo le potenzialità.
Andrea e Eleonora, due centralinisti della Lega del Filo d'Oro, sono fotografati mentre lavorano. Eleonora ha la cornetta del telefono appoggiata all'orecchio ed è seduta alla scrivania. Andrea sta lavorando al computer. Entrambi guardano verso la fotocamera.
Parla con noi
Possiamo esserti d’aiuto? Compila il form e invialo!
Primo piano di Leonardo, bambino con sindrome di Charge, protagonista dello spot per la campagna della donazioni regolari
Donazioni Regolari
Scegli di adottare un Mondo di Sì per chi non vede e non sente. Con una donazione regolare puoi aiutare Leonardo e tanti bambini come lui.
Edoardo, un bambino ospite della Lega del Filo d'Oro, sorride mentre gioca con una palla fucsia e viene preso in braccio da un'operatrice. Lo sfondo dell'immagine è arancione.
Come sostenerci
I modi per sostenerci sono tanti: ogni tua azione è preziosa e ci permette di fare la differenza.
Una vista aerea del Centro Nazionale della Lega del Filo d'Oro di Osimo, una nuova grande casa per le persone sordocieche
Progetti in cantiere
Abbiamo tanto da fare per dare un aiuto concreto a chi non vede e non sente.
Paola Rupili, utente adulta del Centro di Osimo, sorride insieme alla fisioterapista che la affianca in una sessione di idroterapia in piscina
Le nostre storie
Nessuno resta indietro, tutti hanno una storia di rinascita da raccontare.
Francesco lavora il midollino nel laboratorio di riabilitazione per costruire dei cestini
Essere sordociechi
Con gli strumenti giusti puoi diventare protagonista della tua vita.
LegadelFilodOro Storia Adulto FrancescoMa+(7)

La metodologia della Lega del Filo d'Oro

Il Ruolo della famiglia

Nel cuore del metodo della Lega del Filo d’Oro le famiglie hanno un posto centrale.

Esse da un lato sono parte integrante del percorso di educazione e riabilitazione dell’utente, dall’altro quando la disabilità è così complessa, hanno bisogno loro stesse di aiuto, sostegno e vicinanza.

Nei centri della “Lega” le famiglie vengono accolte e supportate e possono acquisire le conoscenze e le competenze di gestione e cura della persona con disabilità multipla e far sì che il ritorno nell’ambiente abituale dopo i trattamenti sia più semplice. 

LegadelFilodOro Storia Famiglie AgoSamuela+(5)

Si parte dal colloquio psicologico, dove si cerca di capire, tra le altre cose, come il nucleo familiare viva l’avere un figlio o un congiunto con grave disabilità.

Si evidenziano così quali sono i punti di forza e le situazioni in cui è necessario dare maggiore supporto.

Al termine del trattamento, laddove i familiari sono stati presenti, si svolge una riunione di chiusura in cui viene illustrato loro il progetto, si mostrano i risultati ottenuti e si fa sì che il programma possa andare avanti attraverso una coordinazione con il servizio territoriale che provvederà anche ad essere presente alla riunione finale presso il Centro di Osimo.

Effettuare una diagnosi non è un punto di arrivo, come si sarebbe portati a credere, ma un punto di partenza educativo, psicologico e sociale in cui la famiglia dell’utente svolge un ruolo delicato e prezioso.