Torna indietro
Francesco, un bambino ospite della Lega del Filo d'Oro, gioca con un giocattolo. Un'operatrice lo abbraccia e ride insieme a lui.
Chi aiutiamo
Sosteniamo le persone sordocieche e con disabilità sensoriale e le loro famiglie.
Legadelfilodoro Nuovo Centro Nazionale Interni
Dove aiutiamo
Il nostro Centro Nazionale è a Osimo, ma ci sono altre nove sedi in Italia.
Alberto, un utente della Lega del Filo d'Oro, e un'operatrice ridono di gusto insieme.
Come aiutiamo
Assistiamo, educhiamo, riabilitiamo chi non vede e non sente valorizzandone al massimo le potenzialità.
Andrea e Eleonora, due centralinisti della Lega del Filo d'Oro, sono fotografati mentre lavorano. Eleonora ha la cornetta del telefono appoggiata all'orecchio ed è seduta alla scrivania. Andrea sta lavorando al computer. Entrambi guardano verso la fotocamera.
Parla con noi
Possiamo esserti d’aiuto? Compila il form e invialo!
Primo piano di Leonardo, bambino con sindrome di Charge, protagonista dello spot per la campagna della donazioni regolari
Donazioni Regolari
Scegli di adottare un Mondo di Sì per chi non vede e non sente. Con una donazione regolare puoi aiutare Leonardo e tanti bambini come lui.
Edoardo, un bambino ospite della Lega del Filo d'Oro, sorride mentre gioca con una palla fucsia e viene preso in braccio da un'operatrice. Lo sfondo dell'immagine è arancione.
Come sostenerci
I modi per sostenerci sono tanti: ogni tua azione è preziosa e ci permette di fare la differenza.
Una vista aerea del Centro Nazionale della Lega del Filo d'Oro di Osimo, una nuova grande casa per le persone sordocieche
Progetti in cantiere
Abbiamo tanto da fare per dare un aiuto concreto a chi non vede e non sente.
Paola Rupili, utente adulta del Centro di Osimo, sorride insieme alla fisioterapista che la affianca in una sessione di idroterapia in piscina
Le nostre storie
Nessuno resta indietro, tutti hanno una storia di rinascita da raccontare.
Francesco lavora il midollino nel laboratorio di riabilitazione per costruire dei cestini
Essere sordociechi
Con gli strumenti giusti puoi diventare protagonista della tua vita.
24
gennaio
2022

Sui banchi di scuola per sensibilizzare

Molfetta

Le classi 4°-5°AS e 4°-5° BS dell’Istituto “Mons. A. Bello” hanno incontrato una psicologa e un'educatrice del Centro di Molfetta

Sempre bello tornare sui banchi di scuola. Soprattutto quando lo si fa per sensibilizzare i giovani, gli adulti di domani, per farli affacciare sul mondo della disabilità. La condivisione è sempre il primo passo per abbattere le barriere.
E l’incontro della scorsa settimana con le classi 4°e 5°AS, 4° e 5° BS dell’Istituto “Mons. A. Bello” di Molfetta (indirizzo Servizi per la Sanità e l’Assistenza Sociale) rappresenta proprio uno di questi passi. Uno dei tanti, visto che l’appuntamento con lo stesso Ente si ripete da anni, a testimonianza della sensibilità e dell’attenzione a certe tematiche, alle persone, tutte.

Il programma inziale, parte dell’attività formativa laboratoriale “Servizi sociali e territorio”, prevedeva una visita delle stesse classi al Centro Socio Sanitario Residenziale di Molfetta della Lega del Filo d’Oro ma la pandemia ha creato problemi anche su questo fronte. L’appuntamento è stato solo rimandato a tempi migliori ma intanto è stato rimodulato perché era importante esserci, per iniziare a seminare, nell’attesa dell’incontro “vero”.

Oltre alla presentazione istituzionale della Fondazione, alla storia della fondatrice Sabina Santilli e al racconto dell’apertura del Centro – grazie anche alla determinazione del gruppo di famiglie di Molfetta – si è parlato delle persone con sordocecità e pluriminorazione psicosensoriale, delle loro peculiarità, esigenze, dei percorsi educativo-riabilitativi costruiti su misura, per dare a chi non vede e non sente gli strumenti per uscire dall’isolamento ed entrare in relazione con il mondo esterno.

Interessanti le curiosità finali espresse dagli studenti. Tra le tante anche la domanda che è stata posta proprio ad Angela e Maddalena (rispettivamente psicologa ed educatrice della Lega del Filo d’Oro di Molfetta): “ci sono difficoltà emotive a lavorare con chi non vede e non sente e ha disabilità gravi?”. La difficoltà inziale è quasi inevitabile. Poi però si cercano informazioni e supporti per percorrere la strada migliore. Più si sa della persona – come comunica, cosa ama fare, quali tipi di comportamento mette in atto in certe situazioni, … - più si riesce ad entrare in relazione. Come in tutte le cose, la conoscenza aiuta a superare le prime barriere. Poi l’empatia, le competenze, il metodo e la passione fanno il resto. 

Grazie all’Istituto “Mons. A. Bello” di Molfetta per averci accolto!