Torna indietro
Francesco, un bambino ospite della Lega del Filo d'Oro, gioca con un giocattolo. Un'operatrice lo abbraccia e ride insieme a lui.
Chi aiutiamo
Sosteniamo le persone sordocieche e con disabilità sensoriale e le loro famiglie.
Legadelfilodoro Nuovo Centro Nazionale Interni
Dove aiutiamo
Il nostro Centro Nazionale è a Osimo, ma ci sono altre nove sedi in Italia.
Alberto, un utente della Lega del Filo d'Oro, e un'operatrice ridono di gusto insieme.
Come aiutiamo
Assistiamo, educhiamo, riabilitiamo chi non vede e non sente valorizzandone al massimo le potenzialità.
Andrea e Eleonora, due centralinisti della Lega del Filo d'Oro, sono fotografati mentre lavorano. Eleonora ha la cornetta del telefono appoggiata all'orecchio ed è seduta alla scrivania. Andrea sta lavorando al computer. Entrambi guardano verso la fotocamera.
Parla con noi
Possiamo esserti d’aiuto? Compila il form e invialo!
Primo piano di Leonardo, bambino con sindrome di Charge, protagonista dello spot per la campagna della donazioni regolari
Donazioni Regolari
Scegli di adottare un Mondo di Sì per chi non vede e non sente. Con una donazione regolare puoi aiutare Leonardo e tanti bambini come lui.
Edoardo, un bambino ospite della Lega del Filo d'Oro, sorride mentre gioca con una palla fucsia e viene preso in braccio da un'operatrice. Lo sfondo dell'immagine è arancione.
Come sostenerci
I modi per sostenerci sono tanti: ogni tua azione è preziosa e ci permette di fare la differenza.
Una vista aerea del Centro Nazionale della Lega del Filo d'Oro di Osimo, una nuova grande casa per le persone sordocieche
Progetti in cantiere
Abbiamo tanto da fare per dare un aiuto concreto a chi non vede e non sente.
Paola Rupili, utente adulta del Centro di Osimo, sorride insieme alla fisioterapista che la affianca in una sessione di idroterapia in piscina
Le nostre storie
Nessuno resta indietro, tutti hanno una storia di rinascita da raccontare.
Francesco lavora il midollino nel laboratorio di riabilitazione per costruire dei cestini
Essere sordociechi
Con gli strumenti giusti puoi diventare protagonista della tua vita.
19
gennaio
2022

Centro Nazionale: è tempo di arredare!

Gli ambienti sono pensati per consentire agli ospiti di orientarsi nello spazio e vivere nella maggiore autonomia possibile la quotidianità

Gli arredi, frutto dell’esperienza sul campo dell’Associazione da oltre 57 anni, sono studiati ad hoc per progettare un ambiente il più possibile stimolante e al tempo stesso rispettoso delle esigenze delle persone con disabilità severe.

La disposizione dei mobili, i percorsi, l’illuminazione, i segnali tattili e gli indicatori multisensoriali sono studiati per aiutare gli ospiti – sulla base della ripetizione e dell’ordine preciso delle azioni - a orientarsi nello spazio e a compiere in autonomia i piccoli ma importanti gesti della quotidianità, come vestirsi, lavarsi o apparecchiare la tavola da soli.

La differenziazione degli arredi rinforza negli utenti la percezione delle diverse attività a seconda dei luoghi e dei tempi in cui si svolgono. All’interno degli alloggi, ogni componente d’arredo deve favorire il benessere psicofisico. Ogni accorgimento adottato guida il progressivo apprendimento di ogni nostro bambino e ragazzo nel pieno rispetto delle sue particolari condizioni specifiche.

Esperienza da un lato, lungo processo di studio e progettazione dall’altro:
“L’incontro con la Lega del Filo d’Oro ha significato molto per me: come architetto mi sono sempre dedicato al design e alla progettazione di arredi e interni per una committenza commerciale, per cui l’aspetto estetico è primario: aver potuto conoscere una metodologia di progettazione completamente diversa,
pensare un arredo in funzione del processo riabilitativo di una persona è stata un’esperienza importantissima, non solo per la carriera ma anche per la mia vita”.

A parlare così è l’architetto e designer Alfredo Zengiaro, titolare dell’omonimo Studio con sede a Vicenza che da molti anni progetta gli arredi per le sedi della “Lega”, e ha fatto lo stesso anche per quelli del nuovo Centro Nazionale.

Un impegno notevole visti i volumi degli edifici del primo e del secondo lotto, ma anche le caratteristiche che mobili e complementi devono avere per poter essere inseriti in un contesto così particolare.

Ecco le principali, nelle parole dello stesso Zengiaro: "Prima caratteristica è la sicurezza: gli arredi devono essere realizzati senza spigoli o angoli, con parti perimetrali e maniglie in materiali morbidi. Seconda, la robustezza", continua, "per poter durare nel tempo e resistere a usi intensivi. Terza, ma non ultima, la componente riabilitativa: è causale, tutto è parte di un percorso propedeutico che aiuta l’utente ad individuare e quindi utilizzare l’arredo in modo semplice e intuitivo".