Torna indietro
Francesco, un bambino ospite della Lega del Filo d'Oro, gioca con un giocattolo. Un'operatrice lo abbraccia e ride insieme a lui.
Chi aiutiamo
Sosteniamo le persone sordocieche e con disabilità sensoriale e le loro famiglie.
Legadelfilodoro Nuovo Centro Nazionale Interni
Dove aiutiamo
Il nostro Centro Nazionale è a Osimo, ma ci sono altre nove sedi in Italia.
Alberto, un utente della Lega del Filo d'Oro, e un'operatrice ridono di gusto insieme.
Come aiutiamo
Assistiamo, educhiamo, riabilitiamo chi non vede e non sente valorizzandone al massimo le potenzialità.
Andrea e Eleonora, due centralinisti della Lega del Filo d'Oro, sono fotografati mentre lavorano. Eleonora ha la cornetta del telefono appoggiata all'orecchio ed è seduta alla scrivania. Andrea sta lavorando al computer. Entrambi guardano verso la fotocamera.
Parla con noi
Possiamo esserti d’aiuto? Compila il form e invialo!
Berk, piccolo utente del Centro di Osimo, guarda verso l'obiettivo con un sorriso, mentre dondola su un'altalena in una delle aule del Centro Nazionale
A chi va il tuo sostegno
Con il tuo aiuto migliorerai la vita di tante persone sordocieche e delle loro famiglie.
Edoardo, un bambino ospite della Lega del Filo d'Oro, sorride mentre gioca con una palla fucsia e viene preso in braccio da un'operatrice. Lo sfondo dell'immagine è arancione.
Come sostenerci
I modi per sostenerci sono tanti: ogni tua azione è preziosa e ci permette di fare la differenza.
Una vista aerea del Centro Nazionale della Lega del Filo d'Oro di Osimo, una nuova grande casa per le persone sordocieche
Progetti in cantiere
Abbiamo tanto da fare per dare un aiuto concreto a chi non vede e non sente.
Paola Idroterapia Operatrice Legadelfilodoro
Le nostre storie
Nessuno resta indietro, tutti hanno una storia di rinascita da raccontare.
Francesco lavora il midollino nel laboratorio di riabilitazione per costruire dei cestini
Essere sordociechi
Con gli strumenti giusti puoi diventare protagonista della tua vita.

Assistenza alle famiglie

  • Che cosa fa la Lega del Filo d’Oro?

    La Lega del Filo d’Oro dal 1964 educa e riabilita le persone con sordocecità e pluriminorazione psicosensoriale e sostiene le loro famiglie.

  • Cos’è la sordocecità?

    La sordocecità è una disabilità a sé stante, unica e specifica e come tale deve essere trattata. Non è quindi, come è stata considerata per lungo tempo, la somma di sordità e cecità.

  • Cos’è la pluriminorazione psicosensoriale?

    Quando la sordocecità è accompagnata da altre forme di disabilità di tipo motorio e/o da difficoltà cognitive, si parla di pluriminorazione psicosensoriale, che può essere sia congenita che acquisita.

  • Quali sono le principali cause di sordocecità e pluriminorazione psicosensoriale?

    Tra le principali cause congenite segnaliamo la sindrome di Charge, la sindrome di Usher, la sindrome di Norrie, la sindrome Rubeolica, altre sindromi rare e la prematurità. Tra le principali cause acquisite ci sono traumi e patologie.

  • Dove possiamo aiutarti?

    La sede centrale della Lega del Filo d’Oro è a Osimo, i Centri residenziali e i Servizi territoriali si trovano a Lesmo, Modena, Molfetta, Termini Imerese. Le sedi territoriali si trovano a Roma, Napoli, Padova, Pisa, Novara.

  • Cos’è una valutazione psico-diagnostica?

    È la valutazione effettuata al Centro di Osimo: viene completata nel corso di una settimana attraverso cui si definisce la funzionalità degli aspetti sensoriali e cognitivi e delle abilità dell’utente, con test non invasivi che indicano quali residui visivi e uditivi sono presenti e il livello delle funzionalità cognitive.

  • Che cos’è un programma educativo-riabilitativo personalizzato?

    Il programma educativo-riabilitativo è il progetto di vita studiato su misura per ogni nuovo utente da un’equipe interdisciplinare: parte dalla prima valutazione psicodiagnostica e funzionale e lavora sul cambiamento della relazione della persona con l’ambiente in cui vive per farle raggiungere il massimo dell’autonomia possibile.

  • Cosa sono i trattamenti intensivi?

    Il trattamento intensivo viene svolto nel Centro di Osimo della Lega del Filo d’Oro e dura tre settimane. Vi si accede da un’apposita lista di attesa e prevede un check che va a verificare l’efficacia dei trattamenti effettuati rispetto all’ultimo soggiorno in Osimo e si programmano gli interventi, i progetti e il lavoro da fare per gli anni successivi.

  • Cosa sono i trattamenti estensivi?

    I trattamenti estensivi sono i soggiorni prolungati degli utenti, che vivono per un periodo più esteso presso le sedi della Lega del Filo d’Oro per portare avanti un complesso percorso, educativo e riabilitativo, in costante collaborazione con la rete sociale e territoriale di riferimento, per stimolarne l’autonomia e migliorarne la qualità di vita.

  • Cos’è il Centro Diagnostico?

    Il Centro diagnostico con sede a Osimo è il punto di riferimento nazionale della Lega del Filo d’Oro, il luogo dove si organizza il percorso che le persone con sordocecità e pluriminorazione psicosensoriale intraprendono e lo si fa partendo un’accurata valutazione psicodiagnostica e funzionale

  • Cos’è un intervento precoce?

    Per intervento precoce s’intende quello che riguarda un bambino che ha meno di quattro anni. Dura tre settimane e permette di osservare le caratteristiche e le abilità del bambino per insegnargli a sfruttare al meglio le sue risorse residue.

  • Cosa si intende per attività occupazionale?

    La Lega del Filo d’Oro è consapevole che l’impegno in occupazioni è fondamentale per l’identità e l’autostima delle persone: infatti il lavoro coinvolge gli aspetti emozionali, psicologici e quelli fisici. Le attività occupazionali che coinvolgono gli utenti si svolgono nei laboratori destinati all’esercizio di attività manuali quali tessitura, bricolage, ceramica, cestineria e rilegatura di libri.

  • Quando si può parlare di Ipoacusia?

    Per ipoacusia si intende una riduzione, più o meno grave, dell’udito. La persona con ipoacusia non è in grado di percepire suoni di intensità superiore ai 25 dB per alcune o tutte le frequenze del campo tonale (125-8000HZ).

  • Quando si può parlare di Ipovisione?

    L'ipovisione è una condizione di acutezza visiva molto limitata che ha notevoli conseguenze sulla vita quotidiana. L'ipovisione può essere “Grave”, il residuo visivo non è superiore a 1/10 in entrambi gli occhi o nell'occhio migliore anche con correzione, “Medio-grave”, il residuo visivo non superiore a 2/10 in entrambi gli occhi o nell'occhio migliore anche con correzione, “Lieve”, il residuo visivo non superiore a 3/10 in entrambi gli occhi o nell'occhio migliore anche con correzione.

  • Perché è fondamentale apprendere l’Orientamento e la mobilità?

    Con Orientamento e mobilità si intende il processo percettivo-cognitivo mediante il quale ogni persona è cosciente della relazione spaziale tra sé, gli oggetti e le persone del mondo circostante. Le abilità di orientamento nell’ambiente richiedono il coinvolgimento del movimento, dei sensi percettivi e dell’elaborazione cognitiva, ma anche il possesso di tecniche spesso apprese durante il gioco o nelle situazioni di interazione tra corpo e spazio. Altre volte queste tecniche necessitano invece di esercizio e apprendimento, perché implicano abilità più complesse

  • Perché le famiglie hanno un ruolo primario nella “Lega”?

    Le famiglie hanno sempre ricoperto un ruolo fondamentale nella vita della Lega del Filo d’Oro, perchè rendono visibili i bisogni del familiare, aiutano a definirne il progetto di vita, acquisiscono competenze di gestione e cura e trasferiscono poi il proprio sapere alla società.

  • Ci sono servizi dedicati alle famiglie?

    Le famiglie possono essere ospitate nel Centro di Osimo per seguire le procedure diagnostico-valutative e riabilitative. Hanno il supporto dell’assistente sociale, che fa da tramite e collegamento con gli specialisti, hanno servizi di supporto psico-pedagogico e possono partecipare ad attività di gruppo.

  • I genitori possono restare accanto al figlio?

    I genitori seguono la valutazione psico-diagnostica ed i trattamenti, partecipano alla comunicazione della diagnosi psico-funzionale e ricevono tutte le informazioni necessarie per conoscere alla perfezione i progressi fatti e riuscire a seguire il percorso una volta tornati casa.

  • Cos’è il trattamento diurno?

    Per trattamento diurno s’intende il servizio di accoglienza nel corso della giornata dedicato a bambini e adulti con sordocecità e pluriminorazioni psicosensoriali che per il resto del tempo vivono in famiglia.

  • Cosa sono i servizi domiciliari?

    Per servizi domiciliari si intendono i trattamenti erogati in base alla necessità direttamente a casa della persona che li necessita.

  • Cos’è la scuola paritaria?

    È la scuola che si trova nel Centro di Osimo della Lega del Filo d’Oro dedicata ai bambini e ragazzi fino a 14 anni.