Torna indietro
Francesco, un bambino ospite della Lega del Filo d'Oro, gioca con un giocattolo. Un'operatrice lo abbraccia e ride insieme a lui.
Chi aiutiamo
Sosteniamo le persone sordocieche e con disabilità sensoriale e le loro famiglie.
Legadelfilodoro Nuovo Centro Nazionale Interni
Dove aiutiamo
Il nostro Centro Nazionale è a Osimo, ma ci sono altre nove sedi in Italia.
Alberto, un utente della Lega del Filo d'Oro, e un'operatrice ridono di gusto insieme.
Come aiutiamo
Assistiamo, educhiamo, riabilitiamo chi non vede e non sente valorizzandone al massimo le potenzialità.
Andrea e Eleonora, due centralinisti della Lega del Filo d'Oro, sono fotografati mentre lavorano. Eleonora ha la cornetta del telefono appoggiata all'orecchio ed è seduta alla scrivania. Andrea sta lavorando al computer. Entrambi guardano verso la fotocamera.
Parla con noi
Possiamo esserti d’aiuto? Compila il form e invialo!
natale+con+il+cuore+2021
Natale solidale
A Natale dona vicinanza e una casa a chi non vede e non sente. Contribuirai alla conclusione dei lavori del nuovo Centro Nazionale
Edoardo, un bambino ospite della Lega del Filo d'Oro, sorride mentre gioca con una palla fucsia e viene preso in braccio da un'operatrice. Lo sfondo dell'immagine è arancione.
Come sostenerci
I modi per sostenerci sono tanti: ogni tua azione è preziosa e ci permette di fare la differenza.
Una vista aerea del Centro Nazionale della Lega del Filo d'Oro di Osimo, una nuova grande casa per le persone sordocieche
Progetti in cantiere
Abbiamo tanto da fare per dare un aiuto concreto a chi non vede e non sente.
Paola Idroterapia Operatrice Legadelfilodoro
Le nostre storie
Nessuno resta indietro, tutti hanno una storia di rinascita da raccontare.
Francesco lavora il midollino nel laboratorio di riabilitazione per costruire dei cestini
Essere sordociechi
Con gli strumenti giusti puoi diventare protagonista della tua vita.
Francesco seduto sulla sua carrozzina esplora con le mani un pupazzetto di Pinocchio in legno
Le nostre storie

Una favola da toccare per Francesco, nato prematuro

La felicità di Francesco è fatta di piccole cose, di "No" che diventano "Sì" con impegno e determinazione.

Guarda il video

Francesco, nato a sole 24 settimane ha dovuto affrontare da subito tante difficoltà, tanti "No": non sente (è portatore di impianto cocleare), vede poco e solo da un occhio, non parla e cammina a fatica.


Ma non è solo, perché oltre alla vicinanza affettuosa della famiglia, nella sua vita è entrata la Lega del Filo d'Oro.
In un modo rocambolesco: un ricordo, quasi un flashback ha attraversato all'improvviso la mente di sua mamma Meggie, che da ragazza aveva svolto un'uscita didattica a Osimo, proprio per visitare l'Associazione. Che quella realtà indicata come esempio da studiare fosse l'aiuto che serviva a Francesco?


Detto fatto: dopo una telefonata e qualche settimana di attesa, a quattro anni appena compiuti Francesco varca l'ingresso del Centro di Osimo per la prima valutazione.

francesco+cicuzza fisioterapia
Mamma di Francesco

“Vederlo crescere è una gioia e anche se le difficoltà ci sono, lo vedo sereno. La sua felicità viene prima di tutto.”

"Non avevo mai visto mio figlio cosi attivo. Mi avevano detto che non sapeva fare niente, eppure alla "Lega" l'ho visto per la prima volta giocare, rispondere agli stimoli, interagire... nessun miracolo, semplicemente gli hanno dedicato tempo e attenzioni, dando il massimo per scoprire le sue potenzialità." dice Maggie e continua "Ha fatto tanti progressi, ancora di più le altre volte in cui siamo tornati negli anni successivi".


Francesco comincia a mangiare cibi solidi, a tenere il cucchiaio e il bicchiere, oltre a migliorare i movimenti: oggi infatti dà del filo da torcere a tutti quando scorrazza con il carrellino che lo aiuta a stare in piedi, specie quando vuole uscire a giocare. E ha vinto l'isolamento comunicando con il linguaggio oggettuale.

Francesco, piccolo utente del Centro di Osimo, ride con la sua educatrice mentre usano un giocattolo con stimolazioni sensoriali

Un'escalation talmente positiva da convincere i genitori a chiedere per lui la possibilità di entrare a tempo pieno alla Lega del Filo d'Oro, occasione che si concretizza nel 2016.

Oggi Francesco è cresciuto, diventando un ragazzino allegro dagli occhi birichini, che "ha già capito tutto", come dice il papà, cioè sa ottenere quello che vuole con una buona dose di baci. Insomma è furbetto, come tutti i bambini della sua età.
"Vederlo crescere è una gioia", conclude la mamma, "e anche se le difficoltà ci sono, lo vedo sereno, e questo è quello che conta. La sua felicità viene prima di tutto".

Dona ora

Con il tuo aiuto, possiamo fare ancora molto per Francesco e la sua famiglia.

Grazie a te potrà continuare il suo viaggio.

Attraverso donazioni ricorrenti, riusciamo a garantire servizi, assistenza e aiuti a un numero sempre maggiore di bambini sordociechi e pluriminorati e ai loro genitori nei nostri centri d'assistenza italiani.

Grazie a te potrà continuare il suo viaggio.